Bayern Monaco, il Real preme su Lewandowski. Ma l’Hoffenheim lo scartò…

bayern monaco

Alcuni rumors di mercato provenienti dalla Spagna danno il Real Madrid pronto a fare follie per Robert Lewandowski, attaccante del Bayern Monaco che, nei sogni di Florentino Perez, dovrebbe sostituire Karim Benzema, dato per partente la prossima estate. I giornali spagnoli parlano addirittura di indiscrezioni provenienti dalla Polonia, terra natia del numero nove bavarese, che vedrebbero il calciatore decisamente propenso ad ascoltare le sirene madrilene. Il Bayern Monaco, quindi, dovrà nuovamente fronteggiare l’assalto del Real Madrid ad un loro tesserato, come avvenne due estati fa per Toni Kroos, che – complice anche un contratto in scadenza l’anno successivo – passò al club spagnolo.

Ma una storia particolarmente curiosa riguardante l’attaccante polacco, viene riportata oggi dalla stampa tedesca. Nel 2010, Lewandowski firmò per il Borussia Dortmund, che spese cinque milioni per accaparrarselo dal Lech Poznan. Nel giro di pochi anni, grazie anche ai 103 goal messi a segno con la maglia giallonera, il valore del giocatore è aumentato almeno dieci volte tanto, anche se il BvB, nell’estate del 2014, lo perse a parametro zero. Prima di arrivare al Borussia, però, un’altra squadra tedesca aveva di fatto già acquistato il giocatore: l’Hoffenheim.

Il TSG, infatti, aveva già trovato l’accordo col Lech Poznan e il giocatore, ma a porre il divieto al trasferimento fu Ralf Rangnick, attuale allenatore e direttore sportivo dell‘RB Lipsia e vero fautore del miracolo Hoffenheim. A rivelare l’indiscrezione è stato lo stesso tecnico tedesco:“All’epoca rifiutai l’arrivo di Robert Lewandowski. Il motivo? Avevamo già Ibisevic, Ba e Obasi, e per come si era espresso nel campionato polacco non ci sembrava francamente migliore delle punte che avevamo già a disposizione nella nostra rosa“.

Considerata la prima stagione del polacco a Dortmund, relegato al ruolo di riserva di Lucas Barrios, l’allenatore tedesco, fra i più apprezzati in Germania, non aveva forse tutti i torti. Ma se solo avesse avuto un po’ di pazienza, la stessa avuta da Klopp nell’attendere l’esplosione di questo talento cristallino, i frutti sarebbero stati sicuramente raccolti:”Col senno di poi, si è trattato sicuramente di un errore: avrei dovuto ponderare meglio quella decisione“. Al posto dell’attuale attaccante del Bayern Monaco, l’Hoffe acquistò Ryan Babbel dall’Ajax, calciatore più adatto anche a giocare nel ruolo di esterno offensivo, rivelatosi, poi, un flop. Quell’estate, però, Ragnick portò al TSG due calciatori che, in seguito, hanno fatto le fortune del club tedesco: Roberto Firmino (acquistato per 5 milioni e rivenduto al Liverpool per 40) e Kevin Volland.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.