Barcellona-Villarreal 3-0: Neymar inventa e il Camp Nou applaude

Neymar Barcellona Villarreal

Il Barcellona di Neymar e Luis Suárez demolisce anche il Villarreal, che aveva retto bene nel primo tempo, salvo poi crollare sotto i colpi dei due mattatori azulgrana. Per Marcelino è la settima sconfitta contro il Barça, nonché la più netta, da quando è seduto nella Plana Baixa, cosicché sia il tecnico di massima serie che più volte ha tentato il colpaccio senza riuscirci: nelle sue undici sfide contro i blaugrana ha rimediato appena due pareggi e nove battute d’arresto. Determinante il doppio fattore Neymar-Luis Suárez: dall’infortunio di Messi le due punte hanno segnato venti dei ventitre gol realizzati dalla squadra culé, dieci reti e quattro assist a testa.

Luis Enrique deve fare a meno degli infortunati Rafinha e Rakitić, oltre a Messi e allo squalificato Mascherano, perciò nel suo 4-3-3 ripiega su Sergi Roberto tra Iniesta e Busquets, mentre nel tridente offensivo figurano Munir e Neymar sulle ali con Luis Suárez punta centrale. Marcelino invece, che è solito mischiare le carte in tavola quando vede azulgrana (ha rinunciato al 4-4-2 in favore del trivote in quattro delle sei sfide dirette su questa panchina) prepara una trappola che risponde al numero 4-5-1. Se al centro della difesa punta su Bonera per rimpiazzare Bailly lasciando Mario Gaspar terzino, ma a centrocampo piazza Denis Suárez e Castillejo esterni, e lo schermo difensivo composto da Jonathan dos santos, Bruno Soriano e Tomás Pina. Soldado a fare reparto da solo.

La mossa di Marcelino ha una sua logica. Il Barcellona, come suo solito, controlla l’andamento dell’incontro con una circolazione di palla costante e inesorabile, ma gli ospiti rinunciano a un uomo offensivo per creare maggiore densità sulla mediana e rubare campo agli avversari. La compagine catalana fa difficoltà ad aprire gli spazi senza due palleggiatori in mezzo al campo, e infatti l’unico tiro in porta del primo tempo arriva su un contropiede innescato dagli sviluppi di un corner per gli ospiti su cui Mathieu non riesce a battere Areola. Di contro il Villarreal perde potenza in attacco, Denis Suárez recupera più palloni di quanti ne riesca a giocare, e il lavoro di Soldado in transizione offensiva spesso è mal supportato, ma Marcelino si accontenta.

A invece Luis Enrique non può andar bene, e chiede ai suoi di rientrare in campo con una marcia in più. E come si è avuto modo di vedere da inizio stagione il Barcellona cambia volto: non a caso sedici dei ventidue gol segnati in Liga sono arrivati nel secondo tempo (diciannove su venticinque a fine gara). La transizione difensiva, marchio di fabbrica dei catalani, è ancora più efficace e su un pallone sbagliato da Bruno Soriano ci pensa Busquets a trovare il buco tra Bonera e Mario Gaspar e mandare in rete Neymar che non sbaglia. A questo punto il Sottomarino giallo inizia la sua lenta ma irreversibile discesa verso il fondo, rallentata solo da un Areola in palla, che salva a più riprese i suoi compagni.

Marcelino prova a rimediare tornando al classico 4-4-2 per riacquistare peso in avanguardia con Bakambu al posto di Tomás Pina, ma con gli spazi che si aprono il Barça va a nozze. Jaume Costa falcia scioccamente Munir in area di rigore e spiana la strada alla goleada dei padroni di casa, che chiudono i conti su una ripartenza innescata da un liscio di Jonathan dos Santos, che a dispetto di ciò è risultato tra i migliori dei suoi compagni, al resto ci pensa Neymar che inventa un gol da antologia. Vince ancora il Barcellona, imbattuto contro il Submarino amarillo da quasi nove anni, e in attesa della difficile trasferta del Real Madrid a Siviglia, prima del clásico del prossimo turno.

Tabellino:
Barcellona (4-3-3): Bravo; Diego Alves, Piqué (82’ Bartra), Mathieu, Jordi Alba; Busquets, Sergi Roberto, Iniesta; Munir (79’ Sandro Ramírez), Luis Suárez, Neymar. A disp.: ter Stegen; Vermaelen, Adriano Correia, Samper, Gumbau. All. Luis Enrique.
Villarreal (4-4-2): Areola 7; Mario Gaspar 5, Bonera 5, Víctor Ruiz 5,5, Jaume Costa 4,5; Jonathan dos Santos 6, Tomás Pina 5,5 (66’ Bakambu 5,5), Bruno Soriano 5, Castillejo 4,5 (78’ Samu García 6); Denis Suárez 5,5, Soldado 6. A disp.: Barbosa, Rukavina, Jokić, Trigueros, Nahuel Leiva. All. Marcelino.
Gol: 59’, 85’ Neymar, 70’ rig. Luis Suárez .
Arbitro: Clos Gómez. Ha ammonito Mathieu, Iniesta, Mario Gaspar, Luis Suárez, Neymar, Piqué, Jaume Costa, Bonera.

About Mihai Vidroiu 589 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia, e più in generale per il calcio, oltre ad altri mille interessi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.