Il Calcio Sfogliato: l’autore Vincenzo Paliotto racconta “Stasi Football Club”

“Il calcio oltre il muro” è il racconto delle vicende sportive e politiche della Germania dell’est, una delle più grandi potenze sportive del dopoguerra in campo olimpico. Anche il calcio non sfuggiva al controllo della Stasi, la polizia segreta che teneva tutti sotto osservazione, e grazie a Mielke, riuscì a far imporre la Dinamo Berlino per dieci anni consecutivi in campionato.
Vincenzo Paliotto, per l’appuntamento letterario della rubrica “Il calcio sfogliato” ci racconta il calcio della DDR con il suo libro “Stasi football Club” (URBONE Publishing).

stasi football club

Nei tuoi libri hai sempre cercato di ricollegare il calcio al sociale o a vicende politiche, in particolar modo in Sudamerica. Come nasce l’idea di realizzare un libro sul calcio della Germania dell’est?

Lo spunto viene dalla drammatica storia di Lutz Eigendorf, giocatore della Dinamo Berlino che fu uno dei primi a passare oltre il muro, e lo fece approfittando di una amichevole contro il Kaiserlautern, in uno dei tanti incontri che si tenevano fra squadre della Bundesliga e della Oberliga. Eigendorf, attraverso l’escamotage di andare a comperare un disco, riuscì a mettersi in fuga e passare definitivamente dall’altra parte del muro, divenendo successivamente un giocatore professionista proprio del Kaiserslautern. Ma dopo qualche anno fu assassinato dai sicari della Stasi. Questa prima storia che avevo riscoperto, anche grazie a alcuni documentari tedeschi, mi ha incuriosito. Ho iniziato così ad indagare sul calcio della Germania dell’est, rappresentato spesso in maniera negativa in quanto aveva molte convivenze con il regime. Ma ci sono anche altre storie completamente diverse andando a spulciare le pagine del libro “Stasi football club”

Lo sport era  prevalentemente sotto il controllo del regime, in particolar modo per quanto riguarda le discipline olimpiche, dove la DDR nel medagliere si classificò spesso seconda, per poi vincerlo nel 1984 ai giochi invernali di Sarajevo. Tali successi però, avevano un caro prezzo da scontare.

I paesi appartenenti al blocco di Mosca hanno sempre considerato lo sport come un elemento fondamentale. In alcuni stati vi erano alcune discipline preferite ad altre, ad esempio in Germania Est il calcio veniva messo in secondo piano, dando priorità all’atletica leggera oppure ad altri sport prettamente olimpici. Addirittura il campionato di Hockey su ghiaccio fu completamente smantellato. Il calcio iniziò in sordina per poi affermarsi con il tempo, assumendo molta importanza. L’Oberliga seppur priva di sussulti da parte dei media era un campionato molto combattuto e le sue squadre non facevano la parte della cenerentola nelle coppe europee, tutt’altro: il Magdeburgo vinse la Coppa delle Coppe nel 1974, nella finale ci arrivò successivamente anche la Lokomotive Lipsia. Molto spesso si assistevano a sfide epiche con le squadre dell’ovest, il Bayern Monaco affrontò in Coppa campioni sia il Magdeburgo che la Dinamo Dresda in partite eccezionali.
Però lo sport era controllato dal governo centrale, si cercava di primeggiare facendo uso ricorrente al doping. Ho avuto il piacere di interloquire su tale questione il professor Dal Monte, che ai tempi curò Maradona. Egli sostiene che non è difficile praticare il doping, quanto non essere scoperti. In Germania Est si rasentava la perfezione, gli atleti riuscivano ad ottenere delle prestazioni impensabili e il medagliere olimpico parla chiaro a discapito di una popolazione estremamente ridotta estremamente la Germania Ovest o gli USA

Il calcio come hai anticipato veniva in secondo piano. All’inizio l’Oberliga per finanziamenti da parte dello stato si posizionava al quattordicesimo posto. Poi la Stasi alla fine degli anni ’70 prese il controllo del campionato con la Dynamo Berlino.

Fu Mielke a prendere il controllo del calcio nella Germania dell’est, era il ministro della Stasi, la polizia segreta che controllava meticolosamente la vita dei cittadini. Ci sono due film molto belli che spiegano questa situazione: Le vite degli altri, e Goodbye Lenin.
Mielke, che fu un grande tifoso della Dinamo Berlino, decise che la sua squadra doveva primeggiare in campionato e dal 1979 al 1988 vinse dieci campionati consecutivi, ricorrendo a tutti i metodi possibili. Innanzitutto fece traslocare le principali squadre berlinesi, e si servì di molti aiuti arbitrali, alcuni di questi infatti erano pure agenti della Stasi. Nel 1986 la Lokomotive Lipsia aveva l’occasione di vincere il campionato, era in vantaggio in casa della Dinamo Berlino e al 95′ gli fu fischiato un generoso rigore contro. L’arbitro Brens Stumpf agiva per conto di Mielke, ma l’episodio suscitò disdegno per l’evidente complicità delle parti e sarà ricordato come “Il rigore della vergogna di Lipsia”. Stumpf, che era anche un arbitro della FIFA, fu solleveato dall’incarico, ma continuò ad esercitare il proprio ruolo di agente all’interno della Stasi.
Nonostante i successi in Oberliga, la Dinamo Berlino non riuscì mai a figurare in campo internazionale a differenza delle altre compagini come la Dinamo Dresda o lo stesso Lokomotiv Lipsia. In quegli stessi anni infatti la Dinamo Berlino non vinse mai nessuna coppa della Germania dell’est, se non nel 1988.

Mielke con i giocatori della Dinamo Berlino
Mielke con i giocatori della Dinamo Berlino

Che tipo di calcio si giocava nella Germania dell’est? Simon Kuipfer nel suo libro “Ajax la squadra del ghetto” indica il calcio dei cugini dell’ovest come ancora legato, nel senso buono del termine, alla filosofia del Mein Kampf. Si tratta quindi di un calcio molto più fisico che tecnico. Questa mentalità la si riscontra anche negli appellativi ai giocatori: qualsiasi centrocampista in grado di far girare il pallone era un “maresciallo”, mentre Beckenbauer era il “Kaiser”. In Germania est vi era sempre questo tipo di mentalità?

Se vogliamo tracciare un paragone politico, il calcio della Germania dell’est, così come per i paesi appartenenti al blocco orientale,  era un calcio molto atletico. Avevano un’ottima tenuta fisica e le squadre italiane hanno trovato molte difficoltà a giocarvi contro in quel periodo. Vi sono poi chiaramente delle eccezioni, di giocatori molto tecnici come Thomas Doll alla Lazio o Sammer. Ma prettamente veniva esaltata la componente fisica in Oberliga. Nonostante tutto vi erano molte menti valide in panchina come quella dell’allenatore del Magdeburgo, Heinz Krugel, al quale fu stoppata la carriera, in quanto nel confronto di Coppa Campioni del 1974/75 si rifiutò di mettere delle microspie nelle macchine dei giocatori del Bayern Monaco per poterli controllare. La sua figura fu riabilitata successivamente, tanto che lo stadio del Magdeburgo porta il suo nome.

Madreburgo vincitore della Coppa delle Coppe nel 1974
Magdeburgo vincitore della Coppa delle Coppe nel 1974

Hai sempre evidenziato nel libro le differenze economiche fra le due leghe. Quando cadde il muro vi fu un vero esodo di giocatori dall’est all’ovest. Oggi in che campionati si collocano le vecchie squadre della Oberliga?

Alla caduta del muro tutti i migliori giocatori trovarono ingaggi non solo in Germania Ovest, ma in tutta Europa. Il calcio della Germania Est sta cercando di recuperare terreno dato che alla riunificazione delle leghe soltanto l’Hanza Rostock e la Dinamo Dresda riuscirono a sopravvivere per qualche stagione. Il confronto fra il capitalismo e il socialismo reale era impari, infatti molte squadre dell’est sono state relegate nelle serie inferiori. La Lokomotive Lipsia che sta recuperando poco a poco terreno, per conservare la propria tradizione (nome e colori sociali) è stata costretta a ripartire dalla undicesima divisione. Nonostante tutto le squadre dell’est hanno un grande seguito ancora oggi: il Magdeburgo registra una media di oltre 20.000 spettatori.
Il Gap però con il calcio dell’ovest è ancora molto ampio.

 

About Nicholas Gineprini 544 Articoli
Sono nato a Urbino il 2 maggio 1991. Nel luglio 2015 ho conseguito la laurea in Chimica e tecnologie farmaceutiche. Mi occupo di giornalismo sportivo con un'attenzione particolare al lato economico e allo sviluppo del calcio in Cina, che approfondisco nel mio Blog Calcio Cina. Nel febbraio 2016 ho pubblicato il mio primo libro: IL SOGNO CINESE, STORIA ED ECONOMIA DEL CALCIO IN CINA, il primo volume, perlomeno in Europa a trattare questo argomento. Scrivo anche di saggistica (sovversiva) per kultural.eu

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.