Monaco: a caccia dell’impresa

Young Boys-Monaco 1-3, video gol e highlights

MONACO. Dipenderà molto dall’esito di questa partita il resto della stagione del Monaco. Di fronte ad un vero e proprio spareggio, i monegaschi non solo saranno costretti a vincere ma dovranno farlo anche con almeno due goal di scarto (con il 3-1 si andrebbe ai supplementari) per avere ragione del Valencia.

Nel passato del club monegasco, l’unico precedente contro una spagnola ai preliminari di Champions League è piuttosto amaro: un’eliminazione contro il Betis Siviglia nell’agosto del 2005 (0-1 a Siviglia; 2-2 al Louis II). Tuttavia, la penisola iberica rievoca anche una delle più grandi rimonte della squadra monegasca, quella avvenuta il 6 aprile 2004 quando dopo la sconfitta esterna patita contro il Real Madrid (4-2), Giuly e compagni seppero rifilare due goal di scarto (gaurda caso…) ai quotatissimi avversati qualfiicandosi per le semifinali della massima competizione continentale.

Da un punto di vista economico, questa sfida è, forse, addirittura più importante di quella contro i Galacticos perchè porterebbe nelle casse del Monaco svariati milioni e permetterebbe al club di mantenere un certo status a livello europeo.

Il tecnico Jardim ne è cosciente e a Toulouse ha effettuato un ampio turnover per poter presentare una squadra atleticamente al top. Nell’undici iniziale non dovrebbe, dunque, esserci novità (El Shaarawy partirà ancora dalla panchina), con il ritorno di Kurzawa tra i titolari rispetto alla partita di andata.

Tra le file degli ospiti, seguiti da circa 1000 sostenitori già giunti nel Principato, tornerà invece il centrocampista Javi Fuego, assente al Mestalla.

 

Probabili formazioni:

Monaco: Subasic, Fabinho, Raggi, Carvalho, Kurzawa, Toulalan, Pasalic, Dirar, Silva, Cavaleiro, Martial.

Valencia: Ryan, Barragan, Mustafi, Vezo, Gaya, Parejo, Fuego, Pérez, Feghouli, Alcacer, Rodrigo

About Mattia Rossi 767 Articoli
Ligure, classe 1985, da diverso tempo seguo il calcio francese. Per questioni geografiche e culturali, non potevo far altro che appassionami all'AS Monaco, benchè mi piaccia seguire anche le altre competizioni nazionali (sia professionistiche che amatoriali), in particolar modo la magica Coppa di Francia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.