Portogallo, Benfica e Porto ok: fra sette giorni, O Classico decisivo

portogallo

PORTOGALLO – Vince il Porto, vince il Benfica. Non cambia nulla nella lotta al vertice della Superliga portoghese, con le Aguias che mantengono tre punti di vantaggio sui Dragoes e domenica prossima, nell’attesissimo O Classico in programma al da Luz, hanno la grande possibilità di chiudere definitivamente la contesa. L’impresa, però, sarà tutt’altro che semplice. E le differenti prove offerte, oggi, dalle due squadre, ne sono la conferma più evidente.

BENFICA A FATICA – Il Benfica, infatti, ha espugnato il do Restelo nella stracittadina contro il Belenenses, compagine capitolina fra le maggiori sorprese di questa stagione, al termine di un match più combattuto di quando non dica lo 0-2 finale. Gli ospiti passano in vantaggio al quinto: il portiere locale, Hugo Ventura, è costretto ad uscire fuori dall’area onde evitare che l’azzardato passaggio in orizzontale di Pelé giunga sui piedi di Lima; l’estremo difensore portoghese riesce nel proprio intento, ma lascia incustodita la porta e nulla può sulla conclusione a porta sguarnita di Jonas.

La squadra di casa – ancora in corsa per l’accesso alla prossima Europa League – reagisce, si esprime meglio dei più blasonati avversari e impensierisce Julio Cesar in più di una circostanza. Al quarto d’ora del secondo tempo, però, è costretta ad alzare bandiera bianca: Gaitan lascia partire un cross tagliante in direzione di Jonas che, lasciato colpevolmente solo dalla retroguardia avversaria, stoppa elegantemente col petto e lascia partire un tiro ad incrociare sul secondo palo che non dà scampo a Hugo Ventura. Nel finale, padroni di casa nuovamente vicini al goal, ma Julio Cesar riesce a mantenere illibata la propria porta con un paio di efficaci interventi.

PORTO DI MISURA – Se il Benfica ha fatto sua l’intera posta in palio senza convincere, altrettanto non si può dire del Porto, dominante sull’Academica ben oltre lo striminzito 1-0 finale nonostante l’utilizzo di molte seconde linee. D’altronde, dopo la serata magica di mercoledì, Lopetegui ha dosato le forze in vista della sfida dell’Allianz Arena (martedì, ore 20,45) e di un’impresa, quella di eliminare il Bayern Monaco, che da impossibile  è diventata alla portata dei Dragoni. La squadra di Oporto passa in vantaggio dopo undici minuti grazie a Hernani, che ribatte in rete dopo essersi visto respingere il tiro da Cristiano.

Nonostante il vantaggio, i Dragoes tengono costantemente in mano il pallino del match, creano numerose palle-gol ma non sono altrettanto abili nel concretizzarle. Il canovaccio tattico del match non cambia neppure la ripresa: il Porto domina, l’Academica arranca ma resta in vita grazie all’imprecisione degli avanti locali. Nei minuti di recupero, Jackson Martinez – subentrato all’ottantatreesimo a Aboubakar – sciupa un’incredibile palla-gol, fallendo a due metri dalla linea di porta. Ma al colombiano, reduce da un mercoledì da leone in Champions, i tifosi biancoblu sapranno perdonare questo grave errore. Ne siamo certi.

CAMPIONATO PORTOGHESE (SUPERLIGA), ANTICIPI VENTINOVESIMA GIORNATA: Vitoria Guimares-Braga 1-0 (giocata venerdì), Belenenses-Benfica 0-2, Porto-Academica 1-0

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.