Russia 2018 e Qatar 2022: per la Fifa è tutto regolare

La Fifa non si cura delle difficoltà climatiche o di quelle legate a una situazione geopolitica tesisissima, nemmeno le la corruzione preoccupa, quanto deciso quattro anni fa è legge e non si cambia. Il comitato etico della Fifa oggi si è riunito per discutere circa l’assegnazione a Russia e Qatar dei Mondiali 2018 e 2022. Un documento di 42 pagine in merito alle difficoltà che dovranno essere affrontate per organizzare queste manifestazioni. Avanti così, tutto perfetto, assolto pure Blatter dalle accuse di condotta irregolare.

Jans-Joachim Eckert, guida del comitato etico, ravvisa che non ci sia stata alcuna irregolarità. Micheal Garcia, capo investigatore della Federazione internazionale, non è però d’accordo. E’ stato proprio a lui a condurre l’inchiesta circa le due assegnazioni mondiali. “Sapevo che sarebbe finita così. La nostra candidatura era assolutamente pulita. Sono felice che si sia chiusa questa storia”, questo il commento di Vitaly Mutko, ministro dello sport russo. Soddisfazione anche da parte del comitato qatariota.

About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.