Borussia Dortmund-Hannover 0-1: continua il mal di Bundesliga giallonero

Borussia Dortmund

BUNDESLIGA BORUSSIA HANNOVER – Sarà un Borussia Dortmund versione dottor Jekyll o versione mister Hyde? E’ questa la domanda che i tifosi giallo-neri si sono posti alla vigilia della nona giornata di campionato, che vede il BvB affrontare al Signal Iduna Park l’Hannover di Tayfun Korkut. Sì, perché in questo inizio di stagione abbiamo assistito ad un Borussia double-face: quasi perfetto in Europa (con nove punti in tre partite) ma tremendamente in difficoltà nelle prime otto giornate di Bundesliga. Jurgen Klopp si affida a Reus per scacciare la maledizione del campionato, mentre l’Hannover punta sul talento del giapponese Hiroshi Kiyotake per cercare di non tornare da Dortmund a mani vuote.

 

I padroni di casa non vogliono perdere tempo e mettono immediatamente alle corde gli ospiti. All’undicesimo Reus sventaglia dalla sinistra sulla destra, dove Pisczek appogia di testa per Mkhitaryan che senza pensarci due volte lascia partire un siluro di sinistro. Zieler con un grande intervento, si allunga sulla sua destra e devia in corner. Cinque giri di lancette ed è ancora BvB. Ancora Reus, questa volta sulla destra, premia la sovrapposizione di Pisczek, che di prima mette un insidioso pallone in mezzo che Gulselam rischia di trasformare goffamente nell’autogol dell’uno a zero. La difesa ospite non ha un attimo di respiro e continua a rischiare grosso tra il diciasettesimo e il diciottesimo: prima Hummels, su angolo di Reus, chiama nuovamente in causa l’attentissimo Zieler, e poi lo stesso Marco Reus che con una conclusione mancina dal limite fà correre non pochi brividi sulla schiena dei tifosi dell’Hannover. Per fortuna degli ospiti, l’impoeto dei giallo-neri di casa si placa con il passare dei minuti. Soltanto dopo venti minuti di “tranquillità”, infatti, il Borussia torna a rendersi pericoloso. Aubameyang lanciato sulla fascia sinistra serve l’accorrente Reus, che con un sinistro morbido prova a sorprendere Zieler, ma il pallone finisce di pochi millimetri alto sulla traversa. La conclusione dell’ex Borussia Moenchengladbach è anche l’ultima emozione della prima frazione di gioco. D’altronde sarebbe stato impossibile continuare sullo stesso ritmo dei primi venti minuti di gara. Per l’Hannover invece, i zero tiri in porta a fine primo tempo parlano da sé.

Stesse formazioni al ritorno in campo dagli spogliatoi e, soprattutto, identico copione di gioco. Borussia dominatore assoluto e Hannover che si limita a rimanere nella sua metà campo di competenza. Indovinate chi crea il primo pericolo della ripresa? Sempre lui, sempre Marco Reus. Al termine di un’azione abbastanza confusa in area avversaria, il fuoriclasse tedesco si ritrova in pratica sul suo destro un rigore in movimento, ma Zieler per l’ennesima volta riesce a chiudergli la porta in faccia. Dopo un’ora di partita si fà vedere anche Adrian Ramos. Il colombiano ha un’ottima palla-goal sul suo destro, ma spreca tutto calciando alto da ottima posizione. Il gol è nell’aria, ma a realizzarlo sorprendemente sono gli ospiti. Al minuto 62 Kiyotake, infatti, con la specialità della casa, ovvero il calcio da fermo, trafigge Weidenfeller dai venticinque metri. La vecchia legge non scritta del “gol mangiato, gol subito” colpisce il Borussia. E un minuto dopo rischia addirittura di colpirla per la seconda volta, ma questa volta Kiyotake deve fare i conti con i riflessi di Roman Weidenfeller, che respinge la conclusione volante del giapponese. I pericoli per Hummels e compagni non sono ancora finiti. Due minuti dopo, infatti, Joselu si invola verso il portiere ospite e colpisce a botta sicura, Weidenfeller è ancora super però respingendo la conclusione con i pugni. Klopp prova a gettare nella mischia anche Shinji Kagawa e Ciro Immobile, per Gundogan e Ramos. Ma l’unico evento da segnalare nell’ultimo quarto d’ora di gara è l’espulsione a Gulselam all’ottantottessimo, per doppia ammonizione. Diventano così quattro le sconfitte consecutive in campionato per Reus e soci, nel pieno di un “mal da campionato”. Vittoria importantissima per l’Hannover (clicca QUI per gli highlights) che si porta così a ridosso della zona Europa.

About Enxhi Fero 113 Articoli
Originario dell'Albania, studente universitario di 20 anni con tanti sogni nel cassetto. Grazie a TuttoCalcioEstero coltiva la sua passione verso il giornalismo sportivo. Oltre al calcio anche tanto basket.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.