Road to Brazil – Messico-Ecuador 3-1: Montes crac, addio Mondiale. Rischia pure Marquez

Mexico v Ecuador - FIFA Friendly MatchEcuador e Messico una di fronte all’altra a Dallas, prove generali per il Mondiale che vedrà impegnate entrambe le compagini. E’ un’amichevole anomala proprio per questo motivo, difficile vedere due squadre qualificate fronteggiarsi ma questo aumenta il peso specifico del test. L’ultimo scontro friendly tra le due squadre risale al maggio di tre anni fa, uno a uno il risultato finale. Ecuador a trazione anteriore con il tridente Rojas-Caicedo-Montero, decisamente meno spettacolare l’assetto messicano con una difesa praticamente a cinque guidata dall’esperienza di Rafa Márquez. In attacco, insieme a Giovani Dos Santos c’è Peralta. Fiesta latina, l’arbitro è il panamense Pittí John, ma mancano due invitati vip nelle formazioni iniziali: Hernández e Valencia, entrambi partono dalla panchina. Grande atmosfera all’At&T Stadium al momento degli inni, in particolare quello tricolor è accolto in grande stile e non potrebbe essere altrimenti vista la poca distanza dal confine messicano. La squadra di Miguel Herrera viene da un convincente tre a zero su Israele (clicca qui per la cronaca), ottima pure l’ultima prestazione degli uomini di Rueda, uno a uno contro la grande Olanda (clicca qui per la cronaca). Già noti i 23 messicani (clicca qui per la lista dei convocati) che andranno in Brasile, Rueda invece si prende ancora un po’ di tempo e questa gara potrà fornire le risposte che ancora mancano.

Calcio d’inizio, boato dello stadio. Bellissimo. Messico subito in avanti, buona occasione su punizione per Márquez ma la palla si perde sul fondo. C’è ritmo, c’è voglia di vincere, al sesto minuto Banguera deve intervenire su Peralta. Nessuna occasione clamorosa, al minuto 18 Peña e Peralta combinano bene nell’area avversaria ma non ne esce niente, il Messico deve tenere gli occhi aperti soprattutto sulle corsie. Gara che resta sul filo dell’equilibrio fino al 33′ quando Luis Montes, servito da Peralta, lascia partire un grande sinistro da fuori area che non lascia scampo a Banguera. Bravo il centrocampista del León, 166 cm di statura ma tanta qualità. E altrettanta sfortuna perché appena tre minuti dopo l’entrata di Segundo Castillo gli piega la gamba. Non ci vuole un genio per comprendere la gravità dell’infortunio, i volti di Guardado e Dos Santos fugano gli ultimi dubbi: frattura, addio Mondiale.
Il povero Montes viene rimpiazzato da Fabián, mentre Rueda toglie dal campo il killer Castillo, anche lui malconcio, dentro il giovane Gruezo dello Stoccarda. Proprio il nuovo entrato va duro su Guardado, niente giallo per lui ma l’atteggiamento ecuadoregno lascia perplessi. Per non dire altro. Il primo tempo finisce 1-0, possesso palla di marca Tricolor.

Grande show nell’intervallo, cantanti, ballerini, dj, torna l’atmosfera di festa rovinata dal brutto infortunio di Montes, arrivano conferme circa la frattura della tibia, per Herrera non c’è tanto da ridere, sarà costretto a rimettere mano alla lista dei convocati. Brutte notizie anche per Segundo Castillo, subito all’ospedale per danni ai legamenti del ginocchio, piange anche l’Ecuador. Serata disgraziata. Altri 45 minuti da giocare, un cambio per parte, Valencia per Ayoví e Vázquez per Peña. 

La seconda frazione di gioco parte a ritmi più alti di quelli che hanno chiuso il primo, Montero trova buoni spazi sulla sinistra, dall’altra parte è Dos Santos a rendersi pericoloso, salta due difensori ma non riesce a concretizzare. Ma non è il campo a tenere con il fiato sospeso i tifosi messicani, problemi pure per Rafael Márquez. L’ex Barcellona lascia il campo per Salcido, poi viene portato all’ospedale perché si sospetta la frattura di un dito del piede destro. Peralta prova a dare spettacolo con una rabona, all’ora di gioco l’Ecuador sfiora il gol del pari, Erazo salva sulla linea (forse mano), l’arbitro assegna una rimessa dal fondo inventata. Finalmente gioie per il pubblico messicano, entra in campo il Chicharito e Fabián raddoppia con una prodezza balistica. Nervi tesi, Enner Valencia viene ammonito dopo uno scambio d’idee con Herrera. La gara ormai è già decisa, a un quarto d’ora dal termine il portiere ecuadoriano Banguera ci mette il carico mandando in porta il tre a zero. Discorso chiuso, Giovani prende il palo e poi lascia il campo tra gli applausi, Enner Valencia accorcia le distanze ma siamo a dieci dallo scadere. Ecuador proteso in avanti per riaprire la gara, finisce però così. Vittoria amara per il Messico, che fa vedere buone cose ma perde pezzi importanti, certa le defezione di Montes, è molto probabile pure quella di Rafa Márquez, leader carismatico del gruppo.

About Paolo Bardelli 2028 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.