Al Hilal, Reghecampf nella bufera… per colpa di una Coniglietta! (Foto)

Neppure il tempo di festeggiare la firma sul contratto che su Laurentiu Reghecampf. Neoallenatore dei sauditi dell’All Hilal, il rumeno fa discutere non per le proprie doti ma… per quelle di sua moglie. Ana Maria Prodan, una abituata a far dicutere di sé, prosperosa ex coniglietta di Playboy e giocarice d’azzardo. Un personaggio che mal si conforma alle norme della sharia, la Prodan è la prima procuratrice Fifa riconosciuta in Romania. Fioccano commenti durissimi dei tifosi. “Ana Maria Prodan, moglie e agente di Reghecampf, lavora in un club di spogliarelliste, lasciate che le mandi questa foto, forse può esserle utile”, questo uno dei tweet, accompagnato dall’immagine di un’auto della polizia religiosa saudita. Altri invece non la vogliono proprio nel paese, neppure i giornali ci vanno tanto leggeri: “Se si trasferisce in Arabia Saudita – riporta il sito dell’emittente tv Al Arabiya – dovrà coprire il suo corpo un po’ di piu’ quando è in pubblico, o avrà problemi con la polizia religiosa”.

Di seguito alcuni degli scatti che hanno fatto adirare gli integralisti

 

About Paolo Bardelli 2028 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

1 Commento su Al Hilal, Reghecampf nella bufera… per colpa di una Coniglietta! (Foto)

  1. ALDILA DI QUESTA AVVENENTE CONIGLIETTA, LA TRISTEZZA STA NEL FATTO CHE ABBIANO CACCIATO SAMI AL JABER CHE STAVA FACENDO UN OTTIMO LAVORO. DAVVERO ASSURDO, IL CALCIO SAUDITA RESTERA’ MEDIOCRE PERCHE’ NON CREDE NEI TECNICI LOCALI, EVIDENTEMENTE L’ESEMPIO DI HAKEEM SHAKER DELL’IRAQ E DI MAHDI ALI DEGLI EMIRATI ARABI NON SERVONO A NULLA…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.