Eredivisie: il Feyenoord blinda il secondo posto, il PSV ritorna quarto, cadono NEC e Roda JC

 

Il Feyenoord travolge con un netto 5-1 il Cambuur e mette un’ipoteca sul secondo posto, nel giorno dell’addio al club di Rotterdam dell’allenatore Ronald Koeman, alla guida della squadra dal luglio del 2011. In vantaggio con un preciso rasoterra dal limite dell’area di Ruud Vormer al 24′, i Rotterdammers subiscono il pari di Martijn Barto, lesto a mandare in rete un cross di Lukoki, pochi minuti prima della fine del primo tempo. Nella ripresa i padroni di casa dilagano, andando a segno due volte con Tonny Vilhena (prima con un colpo di testa su corner di Vormer e poi con un mancino al volo dopo essere stato lanciato in profondità da Clasie), ma anche con il solito Graziano Pellè (un colpo di testa preciso nell’angolino alto su un calcio d’angolo) e al 90′ con Jean-Paul Boetius (un destro a giro nell’angolino alto), che fissa il risultato finale sul 5-1 per i Rotterdammers.

Con lo scudetto assegnato all’Ajax, rimangono ancora aperte le lotte per la salvezza e quella per il quarto posto, utile per andare in Europa League senza passare dai play-off con le altre squadre dell’Eredivisie. Il Vitesse, quarto fino a poche ore fa, viene fermato dal Go Ahead Eagles sul punteggio di 2-2 e si fare sorpassare dal PSV, vittorioso 2-1 in casa dei neo-vincitori della Coppa d’Olanda del PEC Zwolle.

I gialloneri di Arnhem, reduci dalla sconfitta in casa del Cambuur dello scorso weekend, affrontano un Go Ahead Eagles pressoché salvo; gli ospiti, però, giocano bene e mettono alle corde i padroni di casa, siglando il vantaggio esterno già al 30′ con Marnix Kolder, lasciato colpevolmente solo al centro dell’area e libero di indirizzare il pallone di testa alle spalle di Velthuizen su un corner calciato da Van der Linden. Le Aquile di Deventer trovano il clamoroso raddoppio al 55′, con Houtkoop che lancia in profondità Jarchinio Antonia, il quale si ritrova davanti all’estremo difensore di casa e non ha problemi a superarlo in uscita. Bosz spinge la squadra alla rimonta, mandando in campo Piazon, Qazaishvili e Ibarra. Al 71′ proprio un traversone di quest’ultimo trova la testa di Guram Kashia che sigla l’1-1, prima del pareggio finale di Davy Propper otto minuti più tardi.

Vittoria importante del PSV  in casa del PEC Zwolle, con i Boeren che si riappropriano del quarto posto a quota 56 punti in classifica, superando proprio il Vitesse, fermo a 55 dopo il passo falso con il Go Ahead Eagles. Partita non facile per gli ospiti, che però passano in vantaggio al 21′ con Jurgen Locadia, bravo a mandare in rete un passaggio di Tamata, dopo che la sua prima conclusione era stata respinta dal portiere Boer. I Blauwvingers sfruttano un errore a centrocampo del PSV e partono in contropiede verso la porta di Zoet, superato da un destro a giro di Mustafa Saymak, che fissa il punteggio all’IJsseldelta Stadion sull’1-1. Il PSV non si scompone e si riporta avanti al 74′ con un colpo di testa di Bryan Ruiz, che non da scampo a Boer e consegna 3 punti fondamentali per i biancorossi di Eindhoven.

All’Abe Lestra Stadion si affrontano Heerenveen e Utrecht, con i padroni di casa vogliosi di confermare la loro posizione in piena zona play-off per l’Europa League. Marten De Roon apre il match al 39′, raccogliendo un suggerimento di Finnbogason e lasciando partire dalla trequarti uno splendido destro che non lascia scampo a Ruiter. Al 67′ Hakim Ziyech firma il raddoppio, deviando in porta un cross di Finnbogason, mentre Joost van Aken sigla il 3-0 al 82′. Le reti di Jacob Mulenga dell’Utrecht e di Alfred Finnbogason chiudono il match sul punteggio di 4-1 per i Superfriezen.

Sia il Roda JC che il NEC partono forte e trovano subito il vantaggio: il Goffertstadion festeggia dopo appena 40 secondi dal fischio d’inizio il gol di Geoffrey Castillion, mentre al Parkstad Limburg Stadion Hans Hateboer devia involontariamente nella propria porta un traversone dalla destra e manda sull’1-0 i padroni di casa al 3′. Se a Kerkrade il primo tempo termina con il vantaggio del Roda JC, a Nijmega il Twente pareggia i conti al 29′ con Kyle Ebecilio che dribbla due difensori e mette in rete l’1-1.

Nel secondo tempo i gialloneri di Ruud Brood subiscono la rimonta del Groningen, che pareggia al 54′ con Richairo Zivkovic, che sfrutta un passaggio filtrante di Chery per infilare Kurto in uscita, e trova il definitivo 2-1 sei minuti più tardi con un gol in contropiede siglato da Filip Kostic. A Nijmega la situazione non cambia di molto rispetto all’altro campo, con il NEC che va completamente in bambola e prende ben 4 gol dai Tukkers: Wout Brama sigla il 2-1 esterno con un bellissimo destro al volo che si insacca sotto la traversa, due minuti dopo timbra due volte il cartellino anche Dusan Tadic, mentre il 5-1 di Jesus Corona e l’autogol di Nick Marsman chiudono questo match ricco di gol.

Nell’ultimo delle partite in programma alle 14:30 un ADO Den Haag quasi salvo batte 2-1 l’AZ Alkmaar, già qualificato ai play-off per l’Europa League. Mike van Duinen sfrutta un errore del portiere Esteban, che non trattiene un tiro-cross di Meijers, per mandare in vantaggio l’ADO già dopo 21 minuti di gioco. A dieci minuti dal 90′ Danny Holla raddoppia per i padroni di casa, mentre la rete ospite di Markus Henriksen non basta all’AZ per rimontare.

Risultati 33a giornata:

Feyenoord – Cambuur                   5-1

Vitesse – Go Ahead Eagles          2-2

PEC Zwolle – PSV                            1-2

Heerenveen – Utrecht                    4-1

NEC Nijmegen – Twente               2-5

Roda JC – Groningen                      1-2

ADO Den Haag – AZ Alkmaar       2-1

 

About Federico Papi 160 Articoli
Giornalista di Tutto Calcio Estero e Calcio Olandese Blog, nonché fedele tifoso del Parma, da 7 anni abbonato al Tardini. Amante dell'Eredivisie e del PSV all'ennesimo livello e studente di Economia a Parma.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.