Porto-Siviglia 1-0, i pali tengono in vita gli andalusi

Si ritrova in Europa, per l’ennesima volta durante la stagione, il Porto: i lusitani battono, con merito, il Siviglia nell’andata dei quarti di finale di Europa League ma la qualificazione resta in bilico. Al Do Dragao finisce 1-0, decide un gol a metà del primo tempo di Mangala; tra una settimana, senza Fernando e Jackson Martinez squalificati, ci sarà da soffrire a Siviglia. Con un pizzico di buona sorte (pali di Defour e Quaresma), la trasferta al Pizjuan avrebbe fatto meno paura.

Emery, in piena corsa per un posto Champions in campionato, recupera Carriço e addirittura lo schiera a centrocampo, a fianco di Iborra; Rakitic-Marin-Reyes a supporto di Bacca. Luis Castro schiera l’undici di gala, fatta eccezioni per gli infortunati di lungo corso come Helton e Maicon.
Stadio non pieno, ma i tifosi di casa trascinano i dragoes durante tutto l’incontro; il Porto inizia bene, subito mette alle corde la difesa ospite e colleziona una serie di angoli che non sortiscono però pericoli concreti. Defour, tra i migliori in campo, ci prova con una conclusione dal limite, ma la prima occasione è del Siviglia: punizione di Rakitic, Fabiano prova a respingere di pugno ma devia sulla schiena di un proprio difensore, rischiando il clamoroso harakiri. Passato lo spavento, i portoghesi trovano il vantaggio al 31′: punizione battuta rapidamente a centrocampo, la difesa del Siviglia si fa trovare impreparata sul cross di esterno destro di Quaresma e Mangala sigla di testa il suo terzo gol in Europa di questa stagione. Prima del 45′, due chiare occasioni per raddoppiare: prima il tiro al volo di Quarema, poi il palo di Defour (con deviazione di Beto) fanno tremare l’undici “nervionense” che, per giunta, fa i conti con l’ammonizione di Moreno che costringerà il laterale sinistro a saltare la gara di ritorno.

Buon inizio del Siviglia nella ripresa, Coke approfitta dell’unico errore del match di Mangala e offre un buon pallone a Reyes che non viene sfruttato al meglio. Il Porto riprende a macinare gioco, Quaresma dal limite ci prova con una bella conclusione poi ancora l’ex-Inter regala il pallone del raddoppio a Jackson Martinez che però spara alto. L’ingresso di Gameiro rivitalizza gli andalusi che cominciano a rendersi più pericolosi, e con costanza, dalle parti di Fabiano. Il buon quarto d’ora dell’ex Psg è pero vanificato da un incredibile errore sotto porta: Fabiano non trattiene il tiro potente di Bacca, KG mette fuori il tap-in tra lo stupore generale. Il Siviglia ci crede, prova ad approfittare della cronica debolezza difensiva dei padroni di casa ma si espone al contropiede; Ghilas, giustiziere di Eintracht e Napoli, sfiora il 2-0 con un diagonale sventato da Beto. Finale convulso: all’86’ viene espulso Fernando per una doppia ammonizione nel giro di pochi secondi (prima commette fallo su Gameiro poi protesta), al 93′ arriva il palo di Quaresma, complice la deviazione del solito Gameiro. Finisce 1-0, al Siviglia tutto sommato può andar bene così; al Sanchez Pizjuan sarà partita da tripla.

 

About Alfonso Alfano 1751 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.