Mauro Zárate: oriundo in extremis?

L’attaccante argentino, ex Lazio, potrebbe diventare, a sorpresa, uno dei protagonisti del prossimo mondiale brasiliano.

Dalla federazione argentina nessuna chiamata: il parco attaccanti è vasto e già pieno di campioni di livello planetario. Nel 2009, a pochi mesi dal mondiale sudafricano i media paventavano una possibile convocazione nella nazionale italiana per Maurito. Il fratello-procuratore Sergio, all’epoca, dichiarava: “Un dirigente della federazione italiana mi ha contattato per conoscere la situazione di Mauro in vista del prossimo Mondiale. All’inizio una cosa del genere mi sembrava impossibile perché Mauro aspettava una chiamata da Maradona per l’Argentina, però qui manca sempre meno tempo e mio fratello non viene convocato, segno che non fa parte dei piani del ct. Quindi si è aperta quest’altra possibilità “. Alla fine, non se ne fece nulla e per il povero Mauro sfumava la possibilità di misurarsi in un palcoscenico prestigioso e affascinante, quale è il mondiale.
La Coppa del Mondo, il sogno calcistico appartenente alle fantasie di ogni bambino innamorato del pallone, appare, oramai, pura utopia per l’attaccante del Vélez (sua squadra del cuore nella quale è tornato a giocare dopo il turbolento divorzio dalla Lazio). Ma nella vita nulla è perduto.  Jorge Sampaoli, selezionatore della nazionale cilena, ha individuato una casella vuota all’interno del suo reparto offensivo in vista e il suo obiettivo numero uno, stando a quanto è emerso dalle dichiarazioni di Rolando, un altro dei fratelli Zárate. L’argentino potrebbe facilmente e rapidamente ottenere il passaporto cileno per via di suo padre, nato a Calama, nord del Cile.
La decisione, ora, spetta a Mauro Zárate: rifiutare la chiamata per amor di patria o accettarla per coronare un sogno rincorso per svariati anni?

About Alex Alija Cizmic 234 Articoli
21enne perennemente indeciso sulla strada da seguire. Marchigiano di origini bosniache e innamorato del Sudamerica, amo definirmi cittadino del mondo. Da poco ho conosciuto la passione per il giornalismo calcistico che mi ha folgorato... Sudamerica es mi pasión, Argentina es mi nación!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.