Lewandowski coinvolto in una presunta aggressione

L’edizione odierna della Bild, quotidiano di riferimento in Germania, ha rivelato una presunta aggressione di Robert Lewandowski, stella del Borussia Dortmund, ai danni di un ragazzino diciasettenne.

L’aggressione sarebbe avvenuta ieri mattina di fronte al liceo “Statdkrone”. Il ragazzo di 17 anni, tale Philip S., avrebbe confessato al quotidiano tedesco di aver riconosciuto Lewandowski mentre passava con la sua macchina e di avergli prontamente mostrato il dito medio perché frustrato dal suo prossimo trasferimento ai rivali del Bayern Monaco. A quel punto, sempre secondo la testimonianza della vittima, Lewa sarebbe sceso dalla vettura, si sarebbe avvicinato al ragazzo e l’avrebbe colpito con una manata sulla fronte.
Conferme sulla denuncia sono arrivate dal portavoce della polizia Kim Freigang che ha affermato come ci sia una denuncia a carico di un giocatore del Dortmund.

Il direttore sportivo del club Watzke, a nome di tutta la società, ribadisce la vicinanza al giocatore. “Ho parlato con Robert – racconta alla Bild – , mi ha spiegato che è sceso dalla macchina, ha messo una mano sulla spalla al ragazzo e gli ha chiesto il perché di quel gesto. Non lo ha toccato in faccia, né colpito. Credo al 100% a Robert”.

Falsa denuncia per farsi pubblicità o aggressione vera e propria? In ogni caso chi ha sbagliato paghi.
Resta il fatto che si tratta di una spiacevole questione che Lewandowski e il Dortmund farebbero bene ad archiviare il prima possibile per concentrarsi sul campionato che sta per ricominciare (qui la previa della prima giornata di ritorno http://www.tuttocalcioestero.it/2014/01/24/bundesliga-preview-si-ricomincia-e-il-bayern-apre-le-danze/50045).

About Alex Alija Cizmic 234 Articoli
21enne perennemente indeciso sulla strada da seguire. Marchigiano di origini bosniache e innamorato del Sudamerica, amo definirmi cittadino del mondo. Da poco ho conosciuto la passione per il giornalismo calcistico che mi ha folgorato... Sudamerica es mi pasión, Argentina es mi nación!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.