Mondiale Under 20, Ottavi di Finale: Il crollo delle big. Fuori Colombia, Portogallo, Croazia e Paraguay.

Incredibile ma vero. Il mondiale under 20 non smette mai di stupire e oggi ha dimostrato quanto sia complicato pronosticare una squadra favorita alla vittoria finale del torneo.
Nel match pomeridiano si affrontavano Croazia e Cile, forse la sfida più equilibrata di questa giornata. Livaja e compagni hanno cercato di condurre il match sin dall’inizio ma hanno sprecato troppe occasioni. I cileni dopo un avvio timoroso hanno saputo riprendersi col passare del tempo. Merito va anche al gioiellino Castillo Mora che ha inventato un gol splendido superando il portiere spalle alla porta con un pallonetto di testa all’indietro, una cosa mai vista. I sudamericani son bravi a trovare poi il gol che ha permesso di chiudere la gara. Discesa sulla fasci di Bravo, palla forte in mezzo che Simunovic devia involontariamente in rete. Croazia fuori dai mondiali agli ottavi di finale e Cile avanti ai quarti contro il Ghana.
Proprio quest’ultimi hanno compiuto il vero colpaccio della giornata, eliminando dopo un match tiratissimo il Portogallo. Eppure i lusitani erano partiti bene quando Ricardo, esterno di sinistra, si beve tutta la difesa avversaria e serve in mezzo un cioccolatino a Gomes che al posto di spingere in rete spedisce alto. I ghanesi si riprendono subito e ci tentano da lontano prima con Aboagye e poi con Ashia che indovina il tiro giusto per portare in vntaggio i suoi. Il Portogallo non ci sta e dopo vari tentativi trova il pareggio nell ripresa con il terzino destro Ferreira. Il vantaggio arriva poco dopo e viene siglato dal gol di testa dell’altro terzino, Ie Edgar. L’entusiasmo smorza il ritmo portoghese e il Ghana ne approfitta nel migliore nei modi. La mossa azzeccata dagli africani è quella dell’ingresso in campo di Boakie, inspiegabilmente in panchina. Il campioncino in compropietà tra Genoa e Juventus e che tanto bene ha fato quets’anno in serie B col Sassuolo, si rende utile sin da subito. Prima batte la punizione che porta al pareggio di Anaba poi, sempre da calcio piazzato, azzecca l’angolo dove battere il portiere e regala la qualificazione ai suoi compagni.
Ad Antalya continua la favola dell’Iraq che supera pur di misura il ben più accreditato al passaggio del turno Paraguay. Gli iracheni soffrono tantissimo le sortite offensive dei sudamericani ma sono bravi a reggere all’urto e soprattutto sfruttano nei supplementari l’espulsione rimediata dal Paraguay con Sanabria. Il gol arriva dalla testa di Shakor che regala una qualificazione inpensabile alla vigilia della competizione. Per gli asiatici è un risultato storico.
La favola non è solo quella dell’Iraq perchè anche la Corea del Sud non smette di sognare. Eliminata la Colombia dopo i calci di rigore anche se los cafeteros avevano un piede e mezzo fuori già nei 90′ regolamentari, salvati dal gol del pareggio di punizione di Quintero nell’ultimo minuto di recupero, che rimedia allo svantaggio subito dal gol al 22’di Song Joo Hoon. Decisivi gli errori dal dischetto di Aguilar e Balanta

About Nicola Chessa 433 Articoli
Nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, in una notte d'ottobre del 1993, sin da quando è un bambino si appassiona al calcio. Raggiunta la maturità in terra sarda, decide di spostarsi a Milano per star vicino al suo grande amore, l'Inter.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.