Ligue 1: poker pesantissimi di Nizza e Bastia

In attesa dei tre posticipi di domani, la lotta per l’Europa e quella per la salvezza si fanno sempre più interessanti. Nelle posizioni che contano, il Nizza si risveglia al termine di una sfida rocambolesca contro il Toulouse, mentre il Montpellier non molla, battendo il Valenciennes. In coda, il Bastia dilaga contro un Brest allo sbando, mentre il Nancy alimenta le speranze superando il Troyes. Infine, reti bianche tra Sochaux ed Ajaccio

 

TOULOUSE – NIZZA

 

Partita pazzesca allo Stadium di Toulouse dove il Nizza si riscatta dopo due sconfitte consecutive ritrovano il successo al termine di novanta minuti ad alta tensione. Ospiti in goal dopo trenta secondi con Bautheac che approfittava di un errore di un incerto Ahamada, ma il vantaggio era effimero e prima Ben Yedder (8′), poi Capoue (19′) ribaltavano al situazione. Al 40′ giungeva il pareggio nizzardo con il raddoppio di Bautheac, quindi le squadre andavano al riposo sul 2-2. Nella ripresa, al 68′, l’argentino Cvitanich portava in vantaggio il Nizza con un pallonetto, deviato da un difensore, che scavalcava l’estremo difensore del Tolouse. La partita sembrava chiudersi all’82’ con l’espulsione di Ahamada, tuttavia allo scadere i locali pareggiavano clamorosamente con Ben Yedder. Sembrava finita, tanto più che Bosetti lasciava il Nizza, anche in 10, ma in pieno recupero un piatto di Anin finiva sotto l’incrocio facendo esplodere il settore ospiti.

 

MONTPELLIER – VALENCIENNES

 

Nonostante una situazione delicata con l’addio già certo di Girard a fine stagione, il Montpellier non demorde e resta appesa a un filo nella lotta per l’Europa League. Contro il Valenciennes, Camara, servito da Cabella, sbloccava il risultato al 18′, grazie ad un’uscita tutt’altro che perfetta di Pennetau. A fine primo tempo, tuttavia, gli ospiti pareggiavano con Nguette che trafiggeva un incerto Jourdren, Nella ripresa, i padroni di casa ripartivano forte e sfioravano il raddoppio con Martin, prima di ottenerlo al 60′ con un preciso tiro del terzino Congré. Dieci minuti più tardi, ancora Martin falliva a tu per tu con Pennetau ma a chiudere la contesa ci pensava nel finale Belhanda, pronto a finalizzare un velocissimo contropiede. I campioni in carica tornavano così al successo dopo un mese, mentre il Valenciennes in tutto il 2013 si è imposto solamente contro il Brest (9 febbraio).

BASTIA – BREST

 

Il cambio di allenatore non porta assolutamente i frutti sperati al Brest ed i bretoni escono con le ossa rotte da un importante scontro-salvezza. Il Bastia, invece, appare inarrestabile nelle ultime uscite (9 punti e 12 reti in 3 partite) e la fatidica quota 40 è ormai distante solo un punto. Eppure erano gli ospiti a creare la prima occasione con Benschop, a cui rispondeva Modeste pochi minuti dopo. Quattro minuti prima del rientro negli spogliatoi, una punizione di Khazri rompeva l’equilibrio e cambiava totalmente le sorti dell’incontro dato che in avvio di secondo tempo, Thauvin trovava subito la rete del 2-0. Al 59′ Mendy vedeva respingersi dal palo la possibile palla del 2-1, un segno di una serata storta che continuava al 70′ con la seconda rete di Thauvin che chiudeva virtualmente la gara. Nel finale, c’era ancora tempo per l’espulsione dell’estremo difensore ospite Hartock che stendeva Modeste in area: dal dischetto, l’attaccante del Bastia non falliva fissando il risultato sul definitivo 4-0.

 

 

SOCHAUX – AJACCIO

 

Finsice a reti bianche lo scontro che metteva in palio tre importanti punti nella lotta per la salvezza. I padroni di casa confermavano le difficoltà a ripetere le prestazioni sfoggiate contro le big e dovevano accontentarsi di un pareggio che soddisfa maggiormente gli ospiti. Poche occasioni nel corso della gara: nel primo tempo, locali impalpabili e corsi che si rendevano pericolosi con Mutu in un paio di occasioni. Nella rirpesa, partiva ancora bene l’Ajaccio, ma Pouplin negava il goal a Diarra. Nel finale, era il Sochaux a sfiorare il successo con un colpo di testa di Privat che Ochoa bloccava in due tempi. Le due squadre conquistavano così un punto a testa, facendo entrambe un piccolo passo avanti.

 

NANCY – TROYES

 

Impegnate per quasi tutto il campionato in una singolare lotta per evitare l’ultimo posto della classifica, Nancy e Troyes si sono ritrovate, un po’ a sorpresa, a nutrire grandi speranze di salvezza in questo finale di stagione grazie ad una serie di buoni risultati. La sfida diretta era dunque vitale nella corsa verso la salvezza e ha visto il Nancy imporsi per 1-0. Il successo dei locali arrivava comunque al termine di una gara dominata, in cui solo un’altra starordinaria prestazione di Thuran-Ullien aveva permesso al Troyes di resistere fino al 68′, minuto in cui giungeva la rete decisiva, siglata con un magistrale calcio di punizione da Grange. Grazie a questo successo, il Nancy abbandonava per la prima volta dopo sei mesi e mezzo (!) le ultime due posizioni della Ligue 1, lasciando il Troyes a -6 dalla salvezza.

 

Toulouse – Nizza 3 – 4 (1′ Bauthéac, 8′ Ben Yedder, 19′ Capoue, 40′ Bauthéac, 68′ Cvitanich, 90′ Ben Yedder, 92′ Anin)

Montpellier – Valenciennes 3 – 1 (18′ Camara, 40′ Nguette, 60′ Congré, 86′ Belhanda)

Bastia – Brest 4 – 0 (41′ Khazri, 50′ e 71′ Thauvin, 79′ rig. Modeste)

Sochaux – Ajaccio 0 – 0

Nancy – Troyes 1 – 0 (68′ Grange)

About Mattia Rossi 767 Articoli
Ligure, classe 1985, da diverso tempo seguo il calcio francese. Per questioni geografiche e culturali, non potevo far altro che appassionami all'AS Monaco, benchè mi piaccia seguire anche le altre competizioni nazionali (sia professionistiche che amatoriali), in particolar modo la magica Coppa di Francia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.