Di Canio nuovo allenatore del Sunderland: tra entusiasmo e polemiche

Non è ancora sceso in panchina, che già subito alla nomina del suo nome per sostituire Martin O’Neill al Sunderland, sono scoppiate polemiche su polemiche. Probabilmente non sarà stata la scelta più oculata per una squadra in grave crisi di risultati, ma sicuramente l’italiano dalla personalità piuttosto prorompente potrebbe dare una forte scossa all’intero ambiente.

Molti, in questi giorni, stanno confondendo il calcio con la politica, data la nota simpatia per l’estremismo di destra di Di Canio, aspetto che ha portato il laburista David Milliband alle dimissioni da dirigente. Come ricordato dal tecnico romano, durante la conferenza stampa di presentazione, lui non ha accettato questa sfida per fare politica o esternare le sue opinioni in merito ma per portare all’agognata salvezza la squadra. Se son rose lo si potrà vedere già domenica nella gara alquanto complicata contro il Chelsea. Sarà stato un azzardo sia per Di Canio sia per la dirigenza la sua scelta?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.