VIDEO – Rubin Kazan-Levante 2-0 dts, l’acciaio russo non si piega

Il Rubin Kazan, dopo la grande gara giocata in Spagna sette giorni fa, cerca la vittoria sul neutro di Mosca per raggiungere i quarti di Europa League. Nei primi 45 minuti sono gli spagnoli a controllare il gioco ma senza creare nessuna occasione da gol. L’azione più pericolosa è invece del Rubin – squadra che sopratutto in Europa fa vedere la sua ottima fase difensiva – è il solito Rondon con la sua forza fisica a crearsi l’opportunità del vantaggio ma l’estremo difensore del Levante ci mette una pezza. Le non grandi potenzialità offensive delle due squadre si vedono tutte ed infatti non ci sono particolari pericoli per le due retroguardie nella prima frazione di gioco.

Nella ripresa la prima occasione è per gli spagnoli, che sfiorano la rete con una conclusione di destro dell’ex Liverpool El Zhar. L’opportunità creata dà fiducia al Levante che continua a spingere, merito anche del cambio Valdo per Acquafresca. Al ’70 si risveglia il Rubin Kazan, che gestisce bene il pallone ma non riesce a trovare spazio nella perfetta difesa avversaria. Nel finale il Rubin ha la chance per il goal qualificazione, ma di testa Rondon non riesce a segnare e la gara si protrae ai supplementari.

L’inizio dei supplementari sembra sulla falsa riga dei tempi regolamentari, ma al minuto 100 Rondon smentisce tutti e segna il vantaggio per la squadra russa. Il venezuelano trasforma in gol il perfetto passaggio del compagno Natcho, l’israeliano autore di una bellissima prestazione.

Il Levante ci prova ma l’assenza si una vera punta si sente, la partenza di Martins – trasferitosi nei giorni scorsi nel campionato americano – si sente e il solo Valdo seppur supportato da una buona prestazione di Barkero non riesce ad incidere. Al turno successivo vanno i russi – che nei secondi 15 minuti trovano anche il secondo goal con Dyadyun – merito anche dell’ottima fase difensiva mostrata negli ultimi due turni europei, entrambi disputati con società spagnole.

Clicca qui per gli highlights

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.