Europa League, il riepilogo della quarta giornata

Gruppo A

Uno splendido pallonetto di Lacina Traoré regala tre punti fondamentali all’Anzhi di Eto’o che batte il Liverpool. L’Udinese, manco a dirlo, perde clamorosamente in casa contro lo Young Boys (6 punti su 6 persi contro i deboli svizzeri): friulani meritatamente ultimi, il Liverpool può chiudere il discorso qualificazione tra tre settimane, in casa, contro gli elevetici.

Anzhi (7)-Liverpool (6) 1-0. 45′ Traoré
Udinese (4)-Young Boys (6) 2-3. 27′ Bobadilla, 47′ Di Natale (U), 65′ Farnerud, 73′ Ruzzolo, 83′ Fabbrini (U)

Gruppo B

L’Atletico, zeppo di riserve e con la qualificazione ad un passo, interrompe la striscia di 15 vittorie di fila a Coimbra, contro l’Academica: prima vittoria in Europa League per i portoghesi. Tutto semplice per il Viktoria Plzen in casa contro l’Hapoel Tel Aviv. Tra tre settimane l’Academica dovrà bissare in casa proprio contro i cechi per sperare ancora nella qualificazione.

Academica (4)-Atletico Madrid (9) 2-0. 28′ e 70′ (rig) Wilson Eduardo
Viktoria Plzen (9)-Hapoel Tel Aviv (1) 4-0. 23′ e 76′ Kolar, 40′ Stipek, 84′ Bakos

Gruppo C

Kuyt e Moussa Sow regalano tre punti fondamentali al Fenerbahçe. Ai turchi servirà un punto contro Marsiglia e Borussia Monchengladbach per ottenere la qualificazione: il 2-2 maturato in Francia (stupendo gol di Barton direttamente da calcio d’angolo) tiene infatti in corsa entrambe le formazioni.

Fenerbahçe (10)-Ael Limassol (1) 2-0. 11′ Kuyt, 44′ Sow
Marsiglia (5)-Borussia Monchengladbach (5) 2-2. 20′ Arango (B), 54′ Barton, 67′ Ayew, 90′ Arango (B)

Gruppo D

Il Newcastle (grandissimo gol di Anita) riesce a rimontare due gol in Belgio, sul campo del Club Brugge e ad ipotecare così il passaggio del turno. Bellion, ex Manchester United, regala al Bordeaux tre punti fondamentali: i girondini si giocheranno il passaggio del turno proprio contro la squadra principale della “Venezia del Nord”.

Bordeaux (7)-Maritimo (2) 1-0. 16′ Bellion
Club Brugge (4)-Newcastle (8) 2-2. 14′ Trickovski, 19′ Jorgensen, 42′ Anita (N), 43′ Ameobi (N)

Gruppo E

Colpo di coda dello Stoccarda che nel finale, a Copenaghen, conquista la prima vittoria in Europa e agguanta addirittura il secondo posto. Lo Steaua riesce a vincere in Norvegia ed è virtualmente qualificato.

Copenaghen (4)-Stoccarda (5) 0-2. 76′ Ibisevic, 90′ Harnik
Molde (3)-Steaua Bucarest (10) 1-2. 21′ Chipciu, 37′ Latovlevici, 56′ Chima (M)

Gruppo F

Strepitosa rimonta del Napoli sul Dnipro capolista, trascinato da un Cavani mostruoso (4 gol, uno bellissimo su punizione). Le buone notizie per gli azzurri non finiscono: l’Aik Solna batte il Psv a sorpresa (numero di Bangoura), replicando il pareggio conquistato in Olanda, e lancia il Napoli al secondo posto solitario.

Napoli (6)-Dnipro (9) 4-2. 7′ Cavani, 33′ Fedetsky, 52′ Zozulya, 77′, 80′ e 90′ Cavani
Aik Solna (4)-Psv Eindhoven (4) 1-0. 12′ Bangoura


Gruppo G

Il Genk, praticamente nel recupero, conquista un preziosissimo punto in Portogallo, gettando nel baratro lo Sporting e confermandosi – a sorpresa – al primo posto nel girone. Streller, a dieci minuti dal termine, tiene a alla il Basilea, adesso a un solo punto dagli ungheresi del Videoton.

Basilea (5)-Videoton (6) 1-0. 80′ Streller
Sporting Lisbona (2)-Genk (8) 1-1. 64′ Van Wolfswinkel, 90′ Plet (G)

Gruppo H

Inter e Rubin vincono a Belgrado e a Baku e conquistano la qualificazione matematica. Tra tre settimane, in Russia, si giocheranno il primo posto. Decima vittoria consecutiva in trasferta, tra campionato e coppa, per i ragazzi di Stramaccioni.

Neftchi Baku (1)-Rubin Kazan (10) 0-1. 16′ Dyadyun
Partizan Belgrado (1)-Inter (10) 1-3. 51′ e 75′ Palacio, 87′ Guarin, 90′ Tomic (P)

Gruppo I

Stupenda partita al San Mames, forse la più emozionante dell’intero torneo. Il Lione finisce per spuntarla, resta l’unica squadra a punteggio pieno e fa praticamente fuori i finalisti dello scorso anno, usciti dal campo tra i fischi del pubblico. L’Athletic non è ancora eliminato soltanto perchè lo Sparta Paraga non è riuscito ad andare oltre il pari in Israele.

Athletic Bilbao (1)-Lione (12) 2-3. 22′ Gomis, 45′ Gourcuff, 48′ Herrera (A), 55′ Aduriz (rig, A), 63′ Lacazette
Ironi Kiryat Shmona (2)-Sparta Praga (7) 1-1. 3′ Tasevski, 24′ Kweuke (S)

Gruppo J

La Lazio, imbottita di riserve, schianta il Panathinaikos e consolida il primo posto nel girone. Finalmente arriva anche la prima vittoria del Tottenham contro il Maribor: protagonisti, nemmeno a dirlo, Gareth Bale e soprattutto Defoe. Ai biancoazzurri basta una vittoria nelle ultime due gare per ottenere la qualificazione matematica.

Lazio (8)-Panathinaikos (2) 3-0. 23′ e 40′ Kozak, 59′ Floccari
Tottenham (6)-Maribor (4) 3-1. 22′ Defoe, 40′ Beric (M), 49′ e 77′ Defoe

Gruppo K

Bayer Leverkusen e Metalist Kharkiv non si lasciano sfuggire l’occasione e chiudono tra le mura amiche il discorso qualificazione: schiantate Rapid Vienna e Rosenborg.

Bayer Leverkusen (10)-Rapid Vienna (0) 3-0. 4′ Hegeler, 53′ Schurrle, 66′ Friedrich
Metalist Kharkiv (10)-Rosenborg (3) 3-1. 4′ Taison, 42′ Dockal (R), 70′ Xavier, 90′ Torres

Gruppo L

Il Levante coglie un prezioso punto sul campo difficilissimo del Twente e si porta a una sola vittoria da una clamorosa qualificazione. Matematica che arriva per l’Hannover che solo nel finale, e con un aiutino arbitrale, riesce ad aver ragione di uno stoico Helsingborg

Twente (3)-Levante (7) 0-0
Hannover (10)-Helsingborg (1) 3-2. 3′ e 50′ Diouf, 59′ Djurdjic (He), 67′ Bedoya (He), 90′ Huszti (rig)

About Alfonso Alfano 1753 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.