Tottenham-Inter 3-0 : le pagelle. Bale devastante, Pereira un incubo

Friedel, 6,5 – Migliore attore non protagonista. Impegnato una sola volta in tutto il match sul tiro di Palacio, evita anche il minimo danno.

Vertonghen, 6,5 – Diligente dietro, si concede spesso e volentieri scorribande offensive, che lo portano a segnare il goal del 3-0.

Walker, 7 – Fanno più paura i suoi tatuaggi o la grinta che ci mette in campo? Autoritario e prepotente, il dominio Tottenham è in gran parte merito suo.

Gallas, 6,5 – Faro difensivo, ma i maldestri lanci dei nerazzurri non lo mettono granchè alla prova.

Assou Ekotto, 7 – Pendolino sulla fascia sinistra, un incubo anche quando si accentra.

Parker, 7 – E’  l’uomo che copre più zone del campo, grande lavoro di quantità per il capitano degli Spurs e gara ordinatissima su ogni fronte.

Dembelè, 6,5 – Non perde un pallone, meritati gli applausi quando viene sostituito.

Lennon, 7 – Quando si accende sulla destra gira come una mosca impazzita, e Pereira attonito non può che stare a guardare, o tentare di caricarlo maldestramente: spina nel fianco.

Defoe, 6,5 – Manca il goal solo per un miracolo di Handanovic, la sua presenza si sente eccome, sebbene pecchi talvolta di egoismo. Ma sul 3-0 si può accettare.

Bale, 7,5 – I tifosi inglesi cantano che segna quando vuole, ma Bale fa molto di più, gioca come vuole. Svaria su tutto il fronte d’attacco, si impone con un mix di tecnica e forza devastante, e lascia indietro con una facilità disarmante gli statuari difensori nerazzurri. 21 goal per lui in stagione, e c’è la sensazione che il bello debba ancora arrivare.

 

Handanovic, 7 – Unico superstite di una serata disastrosa, evita il tracollo totale con almeno due interventi prodigiosi.

Chivu, 5 – Preciso in chiusura, ma inesorabilmente lento in copertura, non basta a fermare le incursioni di Lennon e Bale.

Ranocchia, 5,5 – Rischia il disastro in un paio di occasioni dove si muove male, ma nel secondo tempo si mette in riga e argina i danni.

Juan Jesus, 5 – Nervoso il brasiliano non è in serata, nemmeno questa volta. Periodo no.

Zanetti, 6 – Il capitano nerazzurro nel primo tempo non è pervenuto, ma nel secondo prova almeno a scuotere i suoi con un paio di falcate degne dei tempi d’oro. Peccato che ad assisterlo ci sia Jonathan.

Alvaro Pereira , 4 – Disastroso l’uruguagio, manca anche le coperture più elementari, commette falli inutili, e confeziona la solita valagna di lanci sballati. E’ il vero mistero dell’ultima campagna acquisti nerazzurra. La buona notizia è che, ammonito, perlomeno salterà il ritorno.

Kovacic, 5 – Il giovane croato schierato davanti alla difesa non sa decisamente come raccapezzarsi , e viene tolto a inizio primo tempo. Non era la partita per lui, Stramaccioni erra di ingenuità a inserirlo dall’inizio.

Gargano, 5,5 – Prova di maturità per l’ex napoli dall’esito dubbio. Rimandato al ritorno.

Cambiasso, 5 – Si perde Bale sul primo goal, poi cerca di fermare come può gli Spurs. Ma la serata non è delle migliori.

Alvarez, 5 – Dopo il goal clamoroso sbagliato a fine primo tempo, che rischia di essere decisivo ai fini della qualificazione, possiamo dire che la pazienza dei tifosi sia arrivata al termine. Ennesima chance sciupata per lui, e addio a giugno sempre più vicino.

Cassano, 5 – Completamente solo in attacco nel primo tempo era prevedibile potesse far poco. Nel secondo  tempo, con l’ingresso di Palacio, non si accende comunque, ma la colpa è di chi da dietro non gli fa arrivare un pallone.

Palacio, 5 – Entra nella ripresa ma stavolta non riesce nessun miracolo come a Catania. L’impegno c’è, il goal manca, anche quando l’occasione è d’oro.

Guarin, 5 – Il carro armato  nerazzurro combina ben poco e non riesce nel realizzare i piani di Stramaccioni di raddrizzare una partita già compromessa quando si decide di fargli fare panchina per più di un tempo.

Jonathan, 4,5 – Inguardabile per quel poco che gioca, non si capisce come si sia potuti andare fino in Brasile a prendere un elemento del genere. Misteri del mercato nerazzurro.

COPY CODE SNIPPET
About Alessio Dell'Anna 130 Articoli
Intrattenitore nel mondo della comunicazione con la passione per il calcio d'antan, è un solista dentro e fuori dal campo, che predica da numero 7 ma razzola da numero 9. Fra il 98' e il 2002 ha inscenato ben 824 repliche dei Mondiali di calcio nella sua cameretta, e ricerca oggi la magia del calcio di un tempo nei campionati con un debito pubblico pericolosamente oltre la soglia di guardia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.