Hull City – Chelsea 0-2: tutto facile per i blues, Conte torna a sorridere

Convincente prova per il Chelsea di Antonio Conte, uscito col bottino pieno dal KC Stadium, allontanando i sintomi di crisi che accerchiavano i blues.
La trasferta si presentava insidiosa per una squadra che nelle prime due partite stagionali contro squadre di livello medio-alto aveva mostrato pesantissimi problemi soprattutti difensivi.
Ebbene, quest’oggi, per i blues, la pratica Hull è stato archiviata con due gol in sei minuti.
Certo è che i tigers dopo un inizio soprendente con due vittorie nelle prime due gare, è tornata coi piedi per terra, racimolando solamente un punto nelle successive 5 gare. Complice una situazione molto precaria dal punto di vista societario e una rosa molto corta, l’Hull ha davvero fatto poco e niente per rovinare l’allegra giornata di Thibaut Courtois, impegnato solamente da una punizione di Snodgrass deviata da Diego Costa nei primi minuti di gara.
Per il resto la manovra e il pallino è rimasto sempre in mano ai blues, capaci di lavorare ai fianchi gli avversari esaurendoli fisicamente nella prima fazione di gioco e colpendo intorno all’ora di gioco con un destro a giro di Willian e replicando cinque minuti dopo con un gol veramente molto simile da parte di Diego Costa.
Partita che scivola via e Chelsea che riprende fiducia dopo un periodo complicato, arrivando così alla sosta col morale alto.
Ciò che maggiormente ha sorpreso, indipendentemente dall’avversario, è stato l’atteggiamento dei giocatori in campo, con i ragazzi di Conte sempre operativi e pronti al sacrificio.
Merito, va detto, della nuova disposizione in campo dell’undici titolare, schierato con un 3-4-3 molto spregiudicato, con Moses da tornante destro e Willian e Hazard liberi di agire alle spalle di Diego Costa, ritornato sui livelli che gli spettano.Lo schema sembra dare più armonia alla manovra del Chelsea che a tratti risulta ancora abbastanza lenta, ma sembra essere la soluzione per limitare i problemi in difesa e l’assenza di un regista vero e proprio, con Cesc Fabregas che ha guardato tutta la partita dalla panchina.

Conte va quindi sul sicuro ritornando alla difesa a tre, con David Luiz nel ruolo di centrale, libero di impostare: scelta saggia, dal momento che la fase difensiva del brasiliano è precaria, per lo meno coi piedi sappiamo sia in grado di cavarsela.
Sugli scudi, questo pomeriggio, sicuramente N’golo Kantè, instancabile recupera palloni in grado di creare in parecchie circostanze (soprattutto nel finale di gara), occasioni per i propri compagni.

Conte può ritenersi soddisfatto e la crisi può, almeno per ora, essere accantonata.

Ennesima grande prova per Costa, già a 6 centri in campionato
Ennesima grande prova per Costa, già a 6 centri in campionato
About Niccolò Minutiello 92 Articoli
Studente universitario, vivo a Torino.Amante dello sport in generale, tifo per il Chelsea, ma coltivo una passione sfrenata per gli sport americani ed essendo follemente innamorato della città di Chicago banalmente tifo Blackhawks, Bears, Bulls e Cubs.Mi piace il tennis e la Pallacanestro Cantù.Cerco di dar seguito alle mie passioni senza smettere mai di sognare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.