Super League, i verdetti: Zeman salvo, lo Zurigo retrocede

Zdenek Zeman può tirare un grosso sospiro di sollievo e chissà, fumarsi finalmente in pace una meritata sigaretta.
Già, perché possiamo dire che per questa stagione il Boemo ha fatto il suo dovere, salvando il modesto Lugano e portandolo alla finale di Coppa di Svizzera, seppur perdendola contro lo Zurigo.
Il tre a zero rifilato al San Gallo ha sancito quella che ad un certo punto della stagione sembrava un miraggio. A farne le spese è stato lo Zurigo, storica squadra elvetica che nell’ultima decade aveva rubato la scena ( in quanto a trofei) ai più borghesi e blasonati cugini del Grasshoppers. Decisive le cinque sconfitte consecutive che hanno colpito i bianchi, che presumibilmente hanno esonerato troppo tardi Sami Hyppia, al secondo fallimento consecutivo in panchina dopo il semi-disastro della scorsa stagione con il Brighton. Troppo tardivi i quattro punti nelle ultime due partite.
Match della svolta sicuramente lo zero a quattro con il quale proprio il Lugano ha fatto sì che l’ex colonna del Liverpool venisse allontanato dal suo incarico. Era dal 1990 che lo Zurigo non retrocedeva in Challenge League.
Ironia della sorte, una stagione partita con ambizioni europee è terminata con una retrocessione e un’insperata vittoria e la garanzia di giocare i gironi di Europa League.

Guardando alle altre squadre, non fa ovviamente notizia il Basilea, assoluta dominatrice del torneo, chiuso con ben ottanta e punti e ottantotto gol fatti.
I campioni elvetici sono chiamati, nella prossima stagione al grande salto in ambito europeo.
Gran campionato anche quello dello Young Boys, partito in sordina, ma capace di inanellare una serie invidiabile di vittorie nel girone di ritorno, fermato solo negli scontri contro il Basilea. Per i bernesi campionato concluso con sessantanove punti e preliminare di Champions League più che guadagnato.

Delusione invece in casa Grasshoppers, forse leggermente alleviata dalla retrocessione degli odiati cugini, ma in fase calante in questo anno solare. Dal secondo posto con insidia al Basilea di fine anno, le cavallette hanno terminato al quarto posto, perdendo la terza piazza a discapito del Lucerna, trascinato dai sedici centri di Schneuwly, in odore di convocazione europea.

Quindi, ricapitolando, il Basilea e Young Boys in Champions League, Lucerna, Grasshoppers e Zurigo in Europa League e il piccolo Vaduz, che disputa la coppa di Liechtenstein, ha guadagnato un posto per disputare i primi turni della prossima Europa League, qualificando, in questo modo, ben sei compagini che militano nella prima serie Svizzera in Europa, su un totale di dieci squadre.

Il prossimo anno, al posto dello Zurigo ci sarà il Losanna.

Risultati 36^ giornata Super League: Basilea – Grasshoppers 0-1; Lugano – San Gallo 3-0; Lucerna – Sion 2-2; Thun – Young Boys 0-3; Zurigo – Vaduz 3-1.

Classifica finale: Basilea 83 (19^ titolo); Young Boys 69; Lucerna 54; Grasshoppers 53; Sion 50; Thun 41; San Gallo 38; Vaduz 36; Lugano 35; Zurigo 34.

 

fonte immagine: www.gdp.ch

About Niccolò Minutiello 92 Articoli
Studente universitario, vivo a Torino.Amante dello sport in generale, tifo per il Chelsea, ma coltivo una passione sfrenata per gli sport americani ed essendo follemente innamorato della città di Chicago banalmente tifo Blackhawks, Bears, Bulls e Cubs.Mi piace il tennis e la Pallacanestro Cantù.Cerco di dar seguito alle mie passioni senza smettere mai di sognare.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.