Il gruppo D è terreno di conquista per la Germania campione del mondo, la Francia è più vicina dopo la vittoria sul campo della Scozia. Successo tuttavia non facile, maturato nel secondo tempo grazie al gol di Gungodan, i ragazzi della Tartan Army si sono battuti ed escono dalla contesa a testa alta. Tutto facile, anzi facilissimo per la Polonia, che ha schiantato Gibilterra senza pietà. Risultato neppure tennistico, scegliete voi lo sport ma sicuramente un otto a uno non fa pensare al calcio. Otto, numero ricorrente nel percorso della Cenerentola del girone, si tratta infatti dell’ottava sconfitta su otto gare disputate. Grosicki inaugura il match con due gol in rapida successione, poi la firma di Robert Lewandowski. Non pago, il centravanti del Bayern Monaco schiaffa in rete anche il quattro a zero al minuto 34 (decimo centro per lui in queste qualificazioni a Euro 2016. Poi Milik e il neo viola Blaszcykowsi dal discetto: e siamo a sei. Milik ne fa un altro, Kapustka fa l’ottavo. Golletto della bandiera realizzato da Gosling, almeno un giorno potrà dire “io c’ero”. Magra consolazione. Hendrick ne salta tre, poi passa a Walters e l’Irlanda va, la rete siglata a venti dallo scadere regala ai verdi tre punti. Irlandesi terzi a due lunghezze dalla Polonia, c’è ancora speranza quando mancano due gare di qualificazione. Si tratta della settima vittoria su sette gare contro la Georgia, che in trasferta ha vinto uno solo degli ultimi 23 match disputati. Gli ospiti comunque hanno disputato un buon match, fallendo però un discreto numero di opportunità. L’8 ottobre l’Eire se la vedrà con la Germania, appuntamento complicato ma non è impossibile strappare un punto. Per la Georgia Euro 2016 rimarrà un miraggio. Qual. Euro 2016, gruppo D Irlanda-Georgia 1-0 Polonia-Gibilterra 8-1 Scozia-Germania 2-3

Il gruppo D è terreno di conquista per la Germania campione del mondo, la Francia è più vicina dopo la vittoria sul campo della Scozia. Successo tuttavia non facile, maturato nel secondo tempo grazie al gol di Gungodan, i ragazzi della Tartan Army si sono battuti ed escono dalla contesa a testa alta. Tutto facile, anzi facilissimo per la Polonia, che ha schiantato Gibilterra senza pietà. Risultato neppure tennistico, scegliete voi lo sport ma sicuramente un otto a uno non fa pensare al calcio. Otto, numero ricorrente nel percorso della Cenerentola del girone, si tratta infatti dell’ottava sconfitta su otto gare disputate. Grosicki inaugura il match con due gol in rapida successione, poi la firma di Robert Lewandowski. Non pago, il centravanti del Bayern Monaco schiaffa in rete anche il quattro a zero al minuto 34 (decimo centro per lui in queste qualificazioni a Euro 2016. Poi Milik e il neo viola Blaszcykowsi dal discetto: e siamo a sei. Milik ne fa un altro, Kapustka fa l’ottavo. Golletto della bandiera realizzato da Gosling, almeno un giorno potrà dire “io c’ero”. Magra consolazione.   Hendrick ne salta tre, poi passa a Walters e l’Irlanda va, la rete siglata a venti dallo scadere regala ai verdi tre punti. Irlandesi terzi a due lunghezze dalla Polonia, c’è ancora speranza quando mancano due gare di qualificazione. Si tratta della settima vittoria su sette gare contro la Georgia, che in trasferta ha vinto uno solo degli ultimi 23 match disputati. Gli ospiti comunque hanno disputato un buon match, fallendo però un discreto numero di opportunità. L’8 ottobre l’Eire se la vedrà con la Germania, appuntamento complicato ma non è impossibile strappare un punto. Per la Georgia Euro 2016 rimarrà un miraggio.   Qual. Euro 2016, gruppo D   Irlanda-Georgia 1-0 Polonia-Gibilterra 8-1 Scozia-Germania 2-3

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.