Qual. Russia 2018, Asia – Il Giappone batte l’Australia e si qualifica ai Mondiali per la sesta volta consecutiva

Non si poteva proprio sbagliare, soprattutto dopo la sconfitta a sorpresa dell’Arabia Saudita in casa degli Emirati Arabi Uniti ed il Giappone non si è fatto scappare questa opportunità. Al Saitama Stadium, i Samurai Blue hanno battuto 2-0 l’Australia ed hanno ipotecato primo posto e qualificazione ai Mondiali russi del 2018. Adesso, Halilhodzic potrà far giocare la sua squadra in tutta tranquillità contro i sauditi, consci che anche una sconfitta non cambierà praticamente nulla. Il Giappone si è dimostrato nettamente superiore ai Socceroos che adesso sperano proprio nei giapponesi per qualificarsi al Mondiale senza dover passare dallo spareggio.

In un Saitama Stadium tutto esaurito e ribollente di passione, il Giappone parte fortissimo e mette subito in difficoltà l’Australia, sfiorando il gol dopo pochi minuti con un colpo di testa di Sakai, ma il pallone termina di poco sul fondo. Dopo un buon quarto d’ora, il Giappone inizia a lasciare il pallone nei piedi dell’Australia, non concedendo spazi ai Socceroos, con i Samurai Blue che, seppur scesi in campo con una formazione abbastanza sorprendete, con Honda, Okazaki, Kubo Kagawa relegati  in panchina, restano belli compatti. E ad aver le occasioni migliori è proprio il Giappone con Asano che su un cross deviato non riesce a spingere la palla in porta. I Samurai Blue insistono ma si scoprono e l’Australia riesce a trovare l’unica, ghiotta occasione della sua partita, con un palo colpito da Leckie alla mezz’ora, con un destro deviato da Yoshida. Il Giappone fiuta il pericolo ed al 41′ passa finalmente in vantaggio: Nagatomo si libera sulla sinistra e con uno splendido cross alla Andrea Pirlo, trova Takuma Asano che sguscia alle spalle di tutti e calcia di prima intenzione in porta, spiazzando Ryan. Gol stupendo quello dei giapponesi che a molti potrebbe ricordare la giocata di Pirlo per Lichtsteiner durante gli anni di Conte prima e di Allegri poi. Il primo tempo si chiude con un altro lampo dei Samurai Blue, con Osako che colpisce il pallone di ginocchio sul bel cross di Sakai e non riesce a battere Ryan.

Nella ripresa, il match è molto più equilibrato, con il Giappone che continua a far giocare il pallone all’Australia, ma senza fargli trovare spazio. Il ritmo si riaccende soltanto negli ultimi venticinque minuti, quando Kruse cerca di seminare il panico sulla destra, ma tutto quello che riesce a creare è un mischione in area che si conclude con una punizione a favore del Giappone. L’Australia, in forcing, riesce a trovare soluzioni possibili per calciare in porta, ma i tentativi non impensieriscono minimamente Kawashima, mentre il Giappone in contropiede fa paura per la sua velocità di esecuzione e va vicinissimo al 2-0 con Ideguchi, ma il tiro del numero 2 viene intercettato sulla linea dai difensori dell’Australia in modo molto fortunoso, facendo finire il pallone tra le braccia di Ryan. Il 2-0, però, è nell’aria ed è proprio Ideguchi a realizzarlo al minuto 82 quando, dopo un pallone recuperato da Haraguchi da terra, il numero 2 si avvicina all’area, prende la mira ed esplode il suo gran destro, conficcando il pallone sotto la traversa, non lasciando scampo a Ryan. Il gol fa esplodere la panchina e tutto il Saitama Stadium, pronto a festeggiare l’ennesima qualificazione al Mondiale. L’Australia tenta disperatamente di rientrare in partita ma, nel recupero, rischia di subire il 3-0 dal neo entrato Kubo che, però, sbaglia tutto, calciando il pallone senza potenza e precisione. Alla fine, il risultato non cambierà ed il Giappone può esultare per la sesta qualificazione consecutiva al Mondiale ed è la seconda squadra dopo l’Iran a poter volare in Russia.

TABELLINO DELLA GARA

Giappone 2-0 Australia 41′ Asano, 82′ Ideguchi

Giappone (4-2-3-1): Kawashima; H. Sakai, Yoshida, Shoji, Nagatomo; Inui (dal 75′ Haraguchi), Hasebe; Ideguchi, Yamaguchi, Asano (dall’89’ Kubo); Osako (dall’87’ Okazaki)

CT: Vahid Halilhodzic

Australia (3-4-3): Ryan; Spiranovic, Sainsbury, Milligan; Smith, Luongo, Irvine (dall’86’ Amini), Leckie; Rogic (dal 70′ Cahill), Kruse, Troisi (dal 61′ Juric)

CT: Ange Postecoglou

MVP: Yosuke Ideguchi (G)

Arbitro: Alireza Faghani (Iran)

Ammoniti: Osako (G)

Espulsi: 

Stadio: Saitama Stadium 2002 (Saitama)

Spettatori: 63.000

CLASSIFICA GRUPPO B

Giappone 20 pt

Arabia Saudita 16 pt

Australia 16 pt

Emirati Arabi Uniti 16 pt

Iraq 5 pt*

Thailandia 2 pt*

*una partita in meno

In grassetto: già qualificata ai Mondiali Russia 2018

PROSSIME PARTITE

Giornata 10 (05/09)

Australia – Thailandia (ore 12:00)

Iraq – Emirati Arabi Uniti (ore 16:00)

Arabia Saudita – Giappone (ore 19:30)

 

COPY CODE SNIPPET
About Danilo Servadei 208 Articoli
Studente alla facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista e esperto di cinema giapponese. Amante del calcio e tifosissimo di Juventus, Celta Vigo e Nagoya Grampus.

1 Commento su Qual. Russia 2018, Asia – Il Giappone batte l’Australia e si qualifica ai Mondiali per la sesta volta consecutiva

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.