AFC CHAMPIONS LEAGUE quarta giornata, Gruppo H: Il Jiangsu avanza agli ottavi, l’Adelaide raggiunge il Jeju a 4 punti, un’altra pericolosa sconfitta per il Gamba Osaka che scivola all’ultimo posto nel girone

La partita di Nanchino, tra Jiangsu e Gamba Osaka, è stata una partita a senso unico. I padroni di casa hanno dominato il match non solo per le loro abilità fisiche e tecniche, ma per lo più a causa dell’inconsistenza del Gamba Osaka, che sembra essere andata in Cina solo per dovere, e non per giocarsela nel big match del girone.
Il Gamba Osaka, dopo aver vinto in maniera sontuosa la prima partita giocata, è andato in contro a tre sconfitte pesantissime, che comprometteranno il cammino dei giapponesi nella competizione continentale. La verità è che il Gamba sarebbe all’altezza del torneo, e se la sarebbe potuta giocare ad armi pari con i cinesi ma, la scarsa volontà di andare avanti in AFC Champions League da parte dell’allenatore e della società, fa sì che la squadra di Suita giochi in maniera disattenta, questo spiega i gravi errori del sommo Endo, e la scarsa reattività della difesa nero-blu.
Anche nel match di Nanchino il Gamba ha mostrato tutte le sue falle tattiche in Champions, che hanno portato poi ad errori individuali, come quelli del capitano per l’appunto. La partita viene chiusa nei primi 45 minuti dal Jiangsu, che già al 7’ minuto si ritrova con un vantaggio di due reti a zero. Il primo goal di Texeira è frutto di un gravissimo errore commesso da Yasuhito Endo che, maldestramente perde palla (e non è la prima volta quest’anno) nella propria metà campo, Texeira, lì a due passi, ne approfitta e insacca il pallone alle spalle di Higashiguchi, inoltre, la chiusura di Fabio non è stata impeccabile, aprendosi proprio all’ultimo quando l’attaccante brasiliano era ormai a tu per tu col portiere. Tre minuti più tardi è Ramires a segnare il secondo goal per i padroni di casa, deviando in rete un passaggio di un compagno, deviato goffamente da un giocatore giapponese, che mette fuori gioco la coppia di difesa. Il Gamba rimane dormiente per il resto del primo tempo e, allo scadere, ne prende un altro, stavolta è il coreano Jeong-Ho a trafiggere Higashiguchi con un perfetto, e imprendibile, colpo di testa che si insacca nel sette.
I secondi 45 minuti sono sempre un arrembaggio del Jiangsu, che tenta di allungare ulteriormente, non riuscendoci, mentre i giapponesi non si rendono problematici neanche una volta.
Grazie a questa vittoria i cinesi avanzano alle fasi finali del torneo con due partite di anticipo, mentre per il Gamba, sempre se avesse intenzione di qualificarsi ancora, comincia il calvario, poiché sia il Jeju che l’Adelaide, tornate prepotentemente in corsa per il secondo posto, non hanno intenzione di mollare nulla.

Jeju United e Adelaide United si affrontano in un match di vitale importanza per entrambe. Il Jeju, perdendo, non approfitta della sconfitta del Gamba Osaka, che resta a meno uno, e si fa raggiungere proprio dagli australiani, che hanno giocato una buona partita contro i coreani.
Come spesso accade nelle competizioni asiatiche, e come si è visto anche in altre partite della giornata, il goal d’apertura è stato segnato prestissimo, al minuto 7 per la precisione, da Jaesung che raccoglie nella trequarti avversaria un pallone respinto dal palo e, con una saettata, segna il primo goal a porta pressoché sguarnita. Un minuto dopo, però, i coreani rimettono in parità il piatto della bilancia con Magno Cruz, che di testa supera Galokovic.
La partita riprende nel secondo tempo sul risultato di 1 a 1, ma gli ospiti non ci mettono molto a trovare nuovamente il vantaggio. Al 50’ è McGowan a portare avanti i suoi deviando di testa un cross di Garuccio da calcio d’angolo, in questa occasione, però, Chang-Geun esce davvero male, concedendo lo spazio necessario al giocatore australiano per segnare il secondo goal. La rete dà fiducia agli ospiti, che prendono le redini del gioco in mano e, vedendo che la controparte coreana è spenta e poco reattiva, spingono sull’acceleratore per segnarne un altro prima del termine della gara. Gli sforzi degli australiani vengono ripagati al 65’, quando McGree, da terra, mette in rete il terzo ed ultimo goal dell’Adelaide United, mettendo in sicurezza il risultato, che non è stato messo in pericolo da nessun tentativo sudcoreano degno di nota.
Vittoria importante per gli australiani che farà accendere sicuramente le ultime fasi del girone, per lo meno per quanto riguarda l’altalenante Jeju e Lo stesso Adelaide, che cercheranno entrambi di raggiungere il Jiangsu agli ottavi.

Tabellino gare:

Jiangsu F.C. 3-0 Gamba Osaka
[5’ Texeira, 7’ Ramires, 43’ Jeong-ho ; –]
Jeju United 1–3 Adelaide United
[8’ Magno Cruz; 7’ Jae-Sung, 50’ McGowan; 65’ McGree]
Formazioni:
Jiangsu F.C., 5-3-2:
Sipeng; Jeong-Ho, Ang, Yun, Yuan, Xiaotian; Jianye, Xi, Ramires; Texeira, Xiang

 

Gamba Osaka, 3-5-2:
Higashiguchi; Fabio, G. Miura, Niwa; Endo, Ideguchi, Izumisawa, Jae-Seok, Hatsuse; A. Takagi, Nagasawa

Sostituzioni (In & Out):
Jiangsu F.C.:
Xiaobin/Jian Ye 66’, Martinez/Xiang 69’, Xinlin/Xiaotian 89’.
 

Gamba Osaka:
H. Fujiharu/G. Miura 46’, Doan/Hatsuse 67’, J. Fujimoto/Izumisawa 76’.


Ammoniti:
Yuan 92’; H. Fujiharu 74’.

Formazioni:
Jeju UTD F.C., 3-4-1-2:
Chang-Geun; Ban-Suk, Jovanovic, Won-Il; Chan-Dond, Chang-Min, Jin-Po, Hyun-Beom; Sang-Yu; Mendy, Magno Cruz

 

Adelaide UTD, 4-3-3:
Galokovic; McGowan, Regan, Garuccio, M. Marrone; Sanchez, McGree, Jae-Sung; Cirio, Mileusnic, Diawara

Sostituzioni (In & Out):
Jeju F.C.:
Seong-Uk/ Magno Cruz 46’, M. Toscano/Sang-Yu 56’, Sangwon/Jin-Po 67’.
 

Adelaide UTD:
Ochieng/Mileusnic 79’, O’Doherty/McGree 92’.


Ammoniti:

Hyun-Beom 27’, Sangwon 87’; Regan 45’,  Mileusnic 76’, McGowan 81’, McGree 84’, Garuccio 85’.

Classifica: Jiangsu F.C. 12 (Q), Adelaide United 4, Jeju United 4, Gamba Osaka 3

Photo: goal.com

COPY CODE SNIPPET
About Alberto Gigli 69 Articoli
Collaboratore e assistente di redazione presso TuttoCalcioEstero.it - Calcio giapponese e asiatico
Contact: Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.