AFC Champions League, gruppo G: il Kawasaki frena ancora il Guangzhou, il Suwon distrugge l’Eastern e si prende il primato

Il Guangzhou Evergrande di Scolari non riesce più a vincere e. il pareggio ottenuto in casa del Kawasaki Frontale, fa si che i cinesi vengano scavalcati dai sudcoreani del Suwon Bluewings che, travolgendo per 5-0 i cinesi di Hong Kong dell’Eastern, si prendano il primato solitario del gruppo G di AFC Champions League al termine di questa quarta giornata.

Al Kawasaki Todoroki Stadium, la partita è divisa in due parti: il primo tempo viene dominato dal Guangzhou, mentre il secondo viene dominato dal Kawasaki frontale. I cinesi partono meglio dei giapponesi e sfiorano subito il gol con un tiro-cross di Goulart che termina di poco oltre il palo sinistro. Poco dopo ci prova anche Paulinho con una punizione da distanza proibitiva e parata in due tempi da Jung Sung-Ryong. Sempre Paulinho ci riprova qualche minuto più tardi da una distanza più ravvicinata e stavolta Jung Sung-Ryong può solo respingere in angolo. Il Kawasaki non riesce a reagire e tutto ciò che crea nel primo tempo è un bel destro dal limite di Rhayner che termina di poco alto sulla traversa. Proprio il brasiliano, però, perde palla a centrocampo, concedendo a Yu Hanchao di andare al tiro da circa trenta metri, con il pallone respinto ancora in angolo da Jung Sung-Ryong. Come accaduto nella gara giocata in Cina, il Kawasaki inizia a trovare spazi nelle ripresa e si porta alla conclusione con Neto, ma il tentativo del brasiliano è troppo debole e centrale per sorprendere un portiere come Zheng Cheng. Sono però sempre i brasiliani del Kawasaki ad andare al tiro e anche Rhayner prova ancora la fortuna con un tiro rasoterra dal limite, ma la sua conclusione è agilmente parata da Zheng Cheng. A metà gara è ancora Neto ad andare la conclusione ma, ancora una volta, ne esce un tiro troppo centrale che non crea nemmeno un po’ di apprensione nel portiere cinese che deve solo abbassarsi. Alla fine la partita si chiude su uno 0-0 che scontenta un po’ tutti

Non scontenta affatto il gran risultato ottenuto dal Suwon Bleuwings che, al Suwon World Cup Stadium, annienta l’Eastern, ormai quasi eliminato, ed è ad un passo dalla qualificazione alla prossima fase. La partita è completamente a senso unico, ma il gol dei sudcoreani tarda ad arrivare per l’ottima prova offerta dai cinesi di Hong Kong nel primo tempo. Alla fine, però, al 37′ il Suwon riesce a trovare il varco giusto e a trovare il vantaggio con Yeom Ki-Hun, che di testa mette in rete l’assist con caduta annessa di Ko Seung-Beom. Fallito il piano per mantenere lo 0-0 fino all’intervallo, nella ripresa l’Eastern cede anche dal punto di vista difensivo ed al 63′ subisce il gol del 2-0 da parte di Ko Seung-Beom che si coordina e fa partire un bel destro al volo, non lasciando scampo a Yapp che può solo ammirare il pallone terminare in rete. Dieci minuti più tardi arriva l’uno-due micidiale di Johnathan che prima riesce a sfondare nella difesa e a freddare Yapp (74′), poi su assist di Santos, controlla il pallone di petto in area e sfonda la porta con un gran destro (76′). A completare la goleada ci pensa Ko Seung-Beom, davvero immarcabile, che da posizione defilata, riesce ad insaccare il pallone sul secondo palo (79′). Nel finale il Suwon sfiora anche il 6-0, ma la sostanza dell’incontro non cambia.

RISULTATI 4° GIORNATA – Gruppo G

Kawasaki Frontale (Jap) 0-0 Guangzhou Evergrande FC (Chn)

Suwon Samsung Bluewings (Kor) 5-0 Easter AA (Hkg) 37′ Yeom Ki-Hun, 63′, 79′ Ko Seung-Beom, 74′, 76′ Johnathan

Classifica: Suwon Samsung Bluewings (Kor) 8 pt, Guangzhou Evergrande (Chn) 6 pt, Kawasaki Frontale (Jap) 4 pt, Eastern AA (Hkg) 1 pt

 

COPY CODE SNIPPET
About Danilo Servadei 208 Articoli
Studente alla facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista e esperto di cinema giapponese. Amante del calcio e tifosissimo di Juventus, Celta Vigo e Nagoya Grampus.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.