AFC CHAMPIONS LEAGUE seconda giornata, Gruppo F: Urawa Reds e Shanghai SIPG travolgenti, F.C. Seoul e WSW in difficoltà

Gli Urawa Red Diamonds finalmente tornano a casa e, alla loro prima stagionale al Saitama 2002 Stadium, mandano un segnale chiaro a tutte le altre concorrenti per il titolo, anche se siamo solamente alla seconda giornata.
Il match giocato a Saitama è stato un match che si potrebbe definire pazzo, ma divertente in cui si è visto, per quasi tutto il primo tempo il potenziale, spesso inespresso in Champions, delle compagini nipponiche, in questo caso proprio dell’Urawa, che lascia più volte sgomento Hwang Sun-hong,  manager degli avversari odierni, lo F.C.Seoul, per la rapida successione di goal, ma che fa finalmente vedere un match brioso anche in Champions League da parte dei giapponesi.
I Reds partono fortissimo e mandano in bambola l’F.C. Seoul, che non capisce più nulla, e nei primi venti minuti prende quattro goal, segnandone appena uno, bellissimo, ma senza significato.
Apre le danze Yuki Muto che capitalizza di testa un contropiede stupendo partito dal capitano Koroki che, allargandosi sulla destra, supera abilmente i difensori coreani, e piazza un cross perfetto in mezzo, ma c’è da dire che il portiere avrebbe potuto reagire meglio su questo colpo di testa.
Tre minuti dopo è Tadanari Lee, marcato malamente, a mettere a segno il secondo goal per l’Urawa ricevendo un passaggio in mezzo all’area del Seoul, ha il tempo di girarsi in mezzo a tre difensori e di piazzarla alle spalle di Hyun per il 2 a 0.
L’F.C. Seoul è in confusione, ma al 13° minuto si guadagna una punizione distante circa 25 metri dalla porta difesa da Nishikawa, sul pallone c’è lo specialista Park Chu-Young che con un destro pennellato segna il goal che accorcia le distanze. Ma anche in questo caso, come per Hyun, Nishikawa avrebbe potuto fare di più e meglio. Ma non è finita qui perché gli Urawa Reds non ci stanno a farsi rovinare la festa dal goal ospite ed ecco che al 15° è Sekine a fare 3 a 1 in seguito ad un incantevole contropiede di Muto. Il portiere coreano, però, ha più di qualche responsabilità sul goal perché si fa scivolare il pallone dalle mani come se nulla fosse.
La partita continua in modo notevole ed offre sempre spettacolo, entrambe le formazioni cercano il goal, ma sono i padroni di casa ad allungare ulteriormente al 21°, Lee avanza palla al piede dalla mediana, fa tutto da solo, mentre sulla sinistra si allarga Ugajin, che però non viene servito, Lee tira ma il pallone rimpallato finisce al compagno che di esterno destro la mette all’angolino basso alla destra di un incolpevole Hyun.
Sei minuti più tardi Moriwaki rischia la frittata servendo maldestramente il proprio portiere che è messo in difficoltà dagli attaccanti dell’F.C. Seoul, ma l’azione si spegne in corner.
Appena prima del fischio finale arriva il goal che chiude definitivamente il match, qui Komai porta a termine una meravigliosa azione partita da Koroki, che scambia con Lee che a sua volta vede Komai che inserendosi nello spazio creato dallo stesso Lee tocca in rete la palla del 5 a 1.
La ripresa inizia con tre occasioni, due per i padroni di casa e una per gli ospiti su punizione. Gli Urawa Reds rischiano di fare il sesto gol al 47° quando Sekine, servito dal sontuoso Lee, si allarga sulla sinistra, sterza fino ad essere in posizione ottimale, lascia partire il tiro, ma Hyun devia in corner. Al 61° invece c’è un tiro alto di Ugajin dopo una bellissima azione corale dei suoi compagni. L’F.C. Seoul, invece, cerca il secondo goal da punizione, ma anche in questo caso nulla da fare.
I ritmi non sono più quelli arrembanti del primo tempo, ma anche nel secondo la partita continua ad essere piacevole e a sollazzare l’entusiasmo dei tifosi di casa.
Il Seoul ci prova ma tutti i tentativi dei coreani sono deviati in corner, mentre i Reds, che rallentano ma che non tirano il freno a mano, hanno un’occasione con il subentrato Rafael Silva, ma il portiere smanaccia in corner. Gli ospiti, che non hanno nulla da perdere ormai, si buttano in avanti e dopo una pericolosa punizione, deviata come al solito in angolo, al 91° segnano il secondo goal con Damjanovic entrato al 75°. Un minuto dopo è sempre il montenegrino a prendere un palo, ma la partita finisce sul 5 a 2 un minuto più tardi, rendendo vani tutti gli sforzi dei coreani.
Ottima la prestazione degli Urawa Reds, da sottolineare il piacevole sacrificio e la trasformazione in uomo assist di Koroki, la prestazione sontuosa di Komai anche se prende un giallo nel primo tempo e infine non si può non parlare e complimentarsi con Lee che sembra imprescindibile negli schemi di mister Petrovic, segnando, ma anche creando gli spazi, facendo sponde e assist per i compagni; ma è tutta la squadra che sembra girar bene, almeno in AFC Champions League.

Da Shanghai, lo Shanghai SIPG risponde ai cinque goal dell’Urawa con altrettanti goal, subendone solo uno da un arrendevole Western Sydney Wanderers.
Allo Shanghai Stadium a sbloccare il risultato ci pensa come sempre Hulk che, appena arrivato in Cina, sembra già volersi mettere la squadra sulle spalle e portarla il più lontano possibile. Il goal di testa, inusuale per il brasiliano, arriva dopo un cross di Wei dalla sinistra, 1 a 0 già al terzo minuto.
Il secondo goal è il suggellamento di una  triangolazione da parte del trio brasiliano OscarElkeson-Hulk. Proprio l’ex-Chelsea fa partire l’azione appoggiando la palla ad Elkeson che gliela ridà gentilmente e, sempre il numero otto la passa ad Hulk che attende l’inserimento furtivo di Oscar nello spazio, Hulk lo serve ed ecco servito il 2 a 0, il portiere non può nulla, ma il suo intervento è a dir poco goffo.
Gli australiani però non sembrano essere usciti dal match perché al 20° Nichols, servito egregiamente da Neville, segna il 2 a 1. Lo Shanghai, però, non demorde ed ecco che 5 minuti dopo arriva anche il 3 a 1 grazie a Ke, il cinese segna in seguito ad un potente tiro di Hulk da punizione, che Tyson non riesce a trattenere. E al 27° è Elkeson a siglare il 4 a 1 servito da un tiro-cross dell’immancabile Hulk.
La seconda frazione di gioco è identica alla prima, però con ritmi più lenti, ma è sempre lo Shanghai SIGP ad avere il pallino del gioco e, non contento, arriva anche il quinto goal dei cinesi sull’asse HuanWu Lei, il primo confeziona un assist preciso per il compagno che scatta in avanti sorprendendo la difesa avversaria.
E così anche in Cina si assiste alla vittoria della squadra di casa, 5 a 1 il risultato finale. Western Sydney Wanderers inesistente, sembra la squadra che ci rimetterà più di tutte nel girone. Urawa e Shanghai SIPG che invece sembrano di un altro livello, e che probabilmente se la giocheranno per il primato del girone F.

Tabellino gare:

Urawa Red Diamons – F.C. Seoul 5-2 [Muto 8°, Lee 11°, Sekine 14°, Ugajin 21°, Komai 45°; 13° Park Chu-Young, 91° Damjanovic]
Formazioni:
-Urawa Red Diamonds, 3-4-1-2: Nishikawa; Moriwaki, Nasu, Makino; Komai, Aoki, Sekine, Ugajin; Lee, Y. Muto; Koroki
-F.C. Seoul, 4-1-4-1: Yoo Hyun; Kwak Tae-hwi, Osmar, Kim Chi-Woo, Shin Kwang-Hoon, Ko Yo-Han, Ju Se-Jong, Il Lok, Sang-ho, Park Chu-Young
Sostituzioni:
Urawa Red Diamons: Rafael Da Silva(IN)/ Koroki(OUT) 66°; Nagasawa(IN)/ Komai(OUT) 75°, Ljubijankic(IN)/ Lee(OUT) 78°.
F.C. Seoul: Maurinho(IN)/Kim Won Sik(OUT) 46°; Damjanovic(IN)/Yo-han(OUT) 75°, Kun Hoan(IN)/Tae-hwi(OUT) 81°.
Ammoniti: Komai 17°, Lee 29°; Yohan 74°
Stadio e spettatori: Saitama 2002 Stadium; 18.727
MVP: Lee
——————————————————————————————————————
Shanghai SIGP – Western Sydney Wanderers 5-1 [Hulk 3°, Oscar 17°, Ke 25°, Elkeson 27°, Wu Lei 75°; Nichols 20°]
Formazioni:
-Shanghai SIPG, 4-3-3: Junling; Zhang Wei, Ke, Shenchao (C); Huan, Huikang, Ahmedov, Oscar; Lei, Elkeson; Hulk
-Western Sydney Wanderers, 4-2-3-1: Tyson; Borda, Hamill, Neville, Clisby; Baccus, Dimas, Sotirio, N. Martinez, Nichols, Griffiths
Sostituzioni:
Shanghai SIPG: Hai(IN)/Ahmedov(OUT) 80°; Wenjun(IN)/Lei(OUT) 84°, Zhiyun(IN)/Wei(OUT) 88°.
Western Sydney Wanderers: Kusukami(IN)/N. Martinez(OUT) 77°; Majok(IN)/Griffiths(OUT) 85°,.
Ammoniti: Hulk 61°, Huikang 68°; Neville 83°
Stadio: Shanghai Stadium
MVP: Hulk

Classifica: Urawa Reds 6, Shanghai SIPG 6, F.C. Seoul 0, Western Sydney Wanderers 0

COPY CODE SNIPPET
About Alberto Gigli 69 Articoli
Collaboratore e assistente di redazione presso TuttoCalcioEstero.it - Calcio giapponese e asiatico
Contact: Facebook

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.