Bundesliga: il Lipsia rialza la testa e torna primo. Deludono Schalke e Monchengladbach, bene Mainz e Wolfsburg

werner forsberg rb lipsia

Quindicesimo turno di Bundesliga con pochi gol, ma con partite giocate ad alti ritmi e con risultati in bilico fino alla fine.

Dopo la sconfitta della scorsa settimana, il Lipsia è tornato subito alla vittoria, battendo per 2-0 un Hertha Berlino mai in partita. Gli uomini di Hassenhuttl hanno dimostrato di avere carattere, non si sono abbattuti psicologicamente e sono entrati in campo con il coltello tra i denti. Le migliori occasioni nascono tutte dai piedi di Forsberg sulla sinistra e di Sabitzer sulla destra, ma l’Hertha riesce a salvarsi grazie al gran lavoro del suo portiere, Jarstein. Il meritato vantaggio del Lipsia arriva a cinque minuti dalla fine del primo tempo, dopo una grande azione corale, conclusasi con lo sfondamento centrale da parte di Werner, che infila il pallone nell’angolo in basso a sinistra. Nella ripresa l’Hertha continua a subire passivamente il Lipsia, che prova in tutti di cercare il raddoppio. Raddoppio che arriva da calcio d’angolo, con uno splendido colpo di testa di Orban, con Jarstein tutt’altro che impeccabile. Nel finale ci sarebbe anche il terzo gol del Lipsia, sempre a segno con Orban, ma la rete viene annullata per fuorigioco netto del numero quattro. Questa vittoria permette al Lipsia di tornare primo e di mettere pressione al Bayern Monaco, impegnato domani pomeriggio (ore 15:30) contro il Darmstadt.

Nell’anticipo del venerdì, pareggio per 2-2 tra Hoffenheim Borussia Dortmund. La squadra del giovane Nagelsmann continua a stupire tutti, essendo l’unica squadra ancora imbattuta del campionato e riesce a fermare anche la seconda squadra più blasonata di Germania. I padroni di casa accendono subito la partita ed al 3′ Uth, dopo una bell’azione in solitaria, insacca alle spalle di Weidenfeller, con il pallone che sbatte prima sul palo destro e poi finisce in rete. La reazione del Borussia Dortmund è veemente e il pareggio arriva al minuto 11, grazie ad una fucilata di Gotze, servito al limite dell’area da Dembelè con il pallone che si insacca nell’angolo in basso a destra. Non è finita qui, perché al 20′ arriva anche il nuovo vantaggio dell’Hoffenheim: da calcio d’angolo Rudy trova la testa di Hubner, che passa a sua volta a Wagner, che insacca alle spalle del colpevole Weidenfeller, che si fa trovare incredibilmente impreparato. A fine primo tempo, il Borussia resta anche in dieci per l’espulsione di Marco Reus. Nonostante l’inferiorità numerica, il Borussia trova la parità ad inizio ripresa grazie ad un bello scavetto morbido di Aubameyang. Nel finale di gara, Weidenfeller si fa perdonare per la sciocchezza commessa nel primo tempo e salva il pareggio con una strepitosa parata su Kramaric.

Gelsenkirchen altro passo falso dello Schalke 04, fermato dal Friburgo sull’1-1. Il primo tempo è tutt’altro che esaltante, con lo Schalke troppo macchinoso nei movimenti, ad esclusione di Goretszka Reese, i più attivi della prima parte, che cercano di portare pericoli alla porta di Schwolow. Nella ripresa, la partita si accende grazie al vantaggio improvviso del Friburgo, con Niederlechner, messo splendidamente davanti alla porta da Haberer, che prima salta Fahrman, poi deposita in rete. Passano dieci minuti e lo Schalke trova la parità, grazie al colpo di testa di Konoplyanka, su cross di Baba, che batte Schwolow. A nulla serve, però, l’assalto finale dello Schalke, che conquista ben tre calci d’angolo consecutivi, con il secondo pericolosissimo e sventato da un ottimo intervento di Frantz. che esce tra i fischi del pubblico.

Male il Borussia Moenchengladbach che domina contro l’Augsburg, ma viene sconfitto per 1-0. Il dominio degli uomini di Schubert è, però, solo territoriale, tant’è che per vedere il primo vero tiro della partita, bisogna aspettare la ripresa, ma Dahoud, il migliore dei suoi, spreca tutto mandando alto. Quando sembra che il pareggio sia il risultato più probabile, l’Augsburg si porta avanti al 75′: da calcio d’angolo arriva il colpo di testa di Hinteregger che decide la partita. Bene il Mainz, che vince in rimonta per 3-1 sull’Amburgo. Ospiti avanti 21′ con un bel tiro dal limite di Wood, con il pallone cbe si infila tra palo e portiere. Il Magonza continua a far girar palla senza fretta e trova il pareggio con Latza, bravo a raccogliere un pallone malamente respinto da Douglas e a bucare Mathenia. Nel secondo tempo, l’Amburgo si abbassa troppo e sparisce dalla partita, subendo anche il gol del 2-1: protagonista ancora Latza, sempre su un regalo natalizio della difesa dell’Amburgo, con Spahic protagonista in negativo, che segna esattamente lo stesso gol. Al 67′ Latza si regala anche la tripletta che chiude la partita: su appoggio di Malli, sgancia un bolide dal limite che si insacca nell’angolo in alto a sinistra

Pareggio spettacolare tra Werder Brema Colonia in una partita giocata a viso aperto dal primo all’ultimo minuto. Per i padroni di casa, l’uomo più pericoloso è sicuramente l’ex Arsenal Gnabry, mentre negli ospiti, il duo Rudnevs-Modeste spaventa il pubblico di casa con rapide accelerazioni. Proprio su una di queste accelerazioni nasce il gol del vantaggio, con Rudnves ad avventarsi su un pallone deviato da Drobny dopo un tiro di Modeste e a depositare in rete a porta vuota. Il pareggio del Werder non si lascia attendere ed al 41′ Gnabry fa esplodere il suo potente destro tirando da casa sua, facendo esplodere il Weserstadion. La ripresa si gioca su ritmi ancora più alti, con grandi occasioni da una parte e dall’altra, e magnifici sono i due portieri, con Drobny ad opporsi ad Heintz, mentre Kessler è miracoloso su un tiro al volo di Bartels. Alla fine, le squadre sono costrette ad accontentarsi di un pareggio tutto sommato giusto, poiché nessuno meritava di perdere.

A chiudere il programma odierno la sfida tra Wolfsburg Eintracht Francoforte, terminata con la vittoria dei padroni di casa per 1-0. Dopo un iniziale equilibrio, il Wolfsburg prende in mano la partita ed è pericoloso in più occasioni soprattutto con il suo bomber, Mario Gomez. Tuttavia, il vantaggio dei padroni di casa arriva da calcio d’angolo, al minuto 33′, con Bruma, che svetta più in alto di tutti e di testa batte a rete. Nel secondo tempo, la sfida si fa molto più equilibrata e ci sono occasioni da ambo le parti. Al 67′ arriva l’episodio che può cambiare la partita: Luiz Gustavo stende in area di rigore Hasebe, Brych lo vede e concede penalty, provocando le proteste del Wolfsburg. Infatti, dalle immagini, si vede chiaramente come Luiz Gustavo non tocchi mai le gambe di Hasebe. Fortunatamente, ad evitare qualsiasi tipo di polemica, ci pensa Meier, che manda il pallone sulla luna. Nel finale, il Wolfsburg cerca di trovare anche la seconda rete per evitare pericoli del genere, ma è ancora il Francoforte a rendersi pericoloso con Rebic, ma Benaglio gli nega la gioia del gol. Dopo tanta sofferenza finale, Brych fischia la fine del match, dando tre punti vitali alla squadra di Ismael.

Il programma della quindicesima giornata si chiuderà domani pomeriggio con due posticipi: alle ore 15:30, come anticipato, la partita tra Darmstadt Bayern Monaco, mentre alle 17:30, alla Bay Arena, andrà in scena il Bayer Leverkusen contro l’Ingolstadt

RISULTATI 15° GIORNATA – Bundesliga

RB Lipsia 2-0 Hertha Berlino 40′ Werner, 62′ Orban

Hoffenheim 2-2 Borussia Dortmund 3′ Uth (H), 11′ Gotze (D), 20′ Wagner (H), 48′ Aubameyang

Schalke 04 1-1 Friburgo 64′ Niederlechner (F), 75′ Konoplyanka (S)

Augsburg 1-0 Borussia Moenchengladbach 75′ Hinteregger

Mainz 3-1 Amburgo 21′ Wood (A) 35′, 56′, 67′ Latza (M)

Werder Brema 1-1 Colonia 28′ Rudnevs (C), 41′ Gnabry (W)

Wolfsburg 1-0 Eintracht Francoforte 33′ Bruma

Darmstadt – Bayern Monaco (domani, ore 15:30)

Bayer Leverkusen – Ingolstadt (domani, ore 17:30)

CLASSIFICA

RB Lipsia 36 pt

Bayern Monaco 33 pt *

Hoffenheim e Hertha Berlino 27 pt

Borussia Dortmund e Eintracht Francoforte 26 pt

Colonia 24 pt

 

Bayer Leverkusen 20 pt *

Mainz e Friburgo 20 pt

Schalke 04 18 pt

Augsburg 17 pt

Borussia Moenchengladbach 16 pt

Werder Brema 15 pt

Wolfsburg 13 pt

Amburgo 10 pt

Ingolstadt 9 pt *

Darmstadt 8 pt

*Una partita in meno

 

COPY CODE SNIPPET
About Danilo Servadei 208 Articoli
Studente alla facoltà di Scienze politiche, sociali e della comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista e esperto di cinema giapponese. Amante del calcio e tifosissimo di Juventus, Celta Vigo e Nagoya Grampus.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.