Synot Liga, Repubblica Ceca: un Lafata “da favola” scrive la storia, il Sigma Olomouc retrocede

La Synot Liga chiude i battenti. In attesa del Campionato Europeo, dove la Repubblica Ceca potrebbe recitare il ruolo di outsider dopo l’ottimo girone di qualificazione, la massima lega di Boemia e Moravia si conclude, per quanto concerne la stagione 2015/2016. Dopo i verdetti già arrivati nelle settimane precedenti, nell’ultimo turno la classifica condanna il Sigma Olomouc alla retrocessione.

Con la vittoria del titolo del Viktoria Plzen con ben 3 giornate di anticipo e il secondo posto già nelle mani salde dello Sparta Praga (dopo il 3 a 0 rifilato allo Slovan Liberec nel 28° turno), nelle zone alte restava da decidere solamente l’ordine della terza e quarta classificata, con Slovan Liberec e Mlada Boleslav che nello scontro diretto si giocavano l’accesso al secondo e terzo turno preliminare della prossima Europa League. La battaglia disputata al Městský stadion di Boleslav si è conclusa con pari pirotecnico, in cui le due squadre hanno lottato fino all’ultimo istante per portare a casa la vittoria. I padroni di casa ci hanno provato in tutti modi, ma si sono dovuti arrendere ad una difesa dello Slovan ordinata ed efficace: in vantaggio dopo 19 minuti con la rete di Rada, il Mlada si è fatto subito riprendere da Breite, mentre nella ripresa, nel momento di massimo sforzo offensivo, è passato addirittura in svantaggio con la rete di Pulkrab. Gli ospiti non sono riusciti però a contenere la reazione del Boleslav,  subendo al 76′ la seconda rete di Rada, che ha ridato speranze, seppur vane, ai tifosi di casa. Il forcing offensivo finale della formazione di Karel Jarolim non ha infatti prodotto l’effetto sperato: lo Slovan Liberec mantiene la terza piazza, qualificandosi al terzo turno, mentre il Mlada Boleslav dovrà sudare maggiormente se vorrà conquistarsi grandi palcoscenici europei, partendo dal secondo turno preliminare. Viktoria Plzen e Sparta Praga partiranno invece entrambe dal terzo turno di qualificazione di Champions League, in virtù del nuovo regolamento UEFA. Nell’ultimo turno di campionato, i campioni in carica hanno regalato la passerella allo Slavia Praga, ancora una volta fuori dalla zona europea, subendo un netto 5 a 0 all’Eden Arena. Stesso risultato della Generali Arena, a pochi chilometri di distanza, dove lo Sparta si è imposto sul Vysocina Jihlava, già matematicamente salvo. Match apparentemente inutile ai fini della classifica, che David Lafata è riuscito a rendere memorabile entrando nella storia del calcio ceco grazie alle 5 reti siglate in un solo incontro: il calciatore 34enne supera Strihavka e Pospech (fermi a 4), entrando di diritto negli annali al primo posto solitario. Una giornata davvero straordinaria per il capitano dei granata, autore dei 5 gol in 5 modi diversi: di testa sugli sviluppi di una punizione battuta da Krejci; di petto, sfuttando un tiro dalla distanza di un compagno; un tap-in sotto porta approfittando dell’assist di Konaté; direttamente da calcio di punizione e con un tiro dalla lunga distanza (circa 40 metri). Lafata mostra tutto il repertorio, dimostrando di essere pronto alla chiamata del selezionatore ceco Pavel Vrba in vista degli Europei che apriranno le danze in Francia tra un mese.

Nelle sabbie mobili della bassa classifica non ce la fa il Sigma Olomouc, che nonostante il roboante 6 a 0 rifilato ai danni del malcapitato Teplice, in virtù del pari a reti inviolate del Marila Pribram in casa del Baumit Jablonec, retrocede in Fotbalova Narodni Liga, la seconda divisione. La formazione guidata da Pavel Tobias infatti riesce a guadagnarsi in extremis la permanenza nella massima serie grazie agli scontri diretti, che hanno visto il Pribram superare complessivamente l’Olomouc nei 2 incontri stagionali di campionato. Il Sigma si va dunque ad aggiungere al Banik Ostrava nella coppia di squadre declassate: due team storici, che speriamo possano ritornare in breve tempo nell’Olimpo del calcio ceco.

olomouc-lebr-spoj

Concludono il turno le vittorie di misura di Slovacko e Zbrojovka Brno, che espugnano rispettivamente Praga (1 a 0 al Dukla) e Ostrava (2 a 1 al Banik, che saluta così la Synot Liga), e il pari con gol tra Zlin e Bohemians 1905.

SYNOT LIGA, 30° TURNO
Dukla Praga – Slovacko 0-1 (76′ Divis)
Baumit Jablonec – Marila Pribram 0-0
Mlada Boleslav – Slovan Liberec 2-2 (19′ Rada, 22′ Breite, 74′ Pulkrab, 76′ Rada)
Banik Ostrava – Zbrojovka Brno 1-2 (27′ Mesaninov, 57′ Reznicek, 73′ Chrien)
Sigma Olomouc – Teplice 6-0 (17′ Sterba, 21′ Chory, 39′ Ordos, 43′ Navratil, 59′ Sterba, 88′ Mahmutovic)
Slavia Praga – Viktoria Plzen 5-0 (4′ Mihalik, 20′ Barak, 27′ Mesanovic, 50′ Husbauer, 86′ Vukadinovic)
Sparta Praga – Vysocina Jihlava 5-0 (12′ Lafata, 19′ Lafata, 56′ Lafata, 65′ Lafata, 77′ Lafata)
Zlin – Bohemians 1905 1-1 (52′ Jordan, 76′ Schick)

CLASSIFICA FINALE
classifica

COPY CODE SNIPPET
About Alessandro De Felice 134 Articoli
Laureato in Mediazione Linguistica, amo viaggiare e il 'football' di ogni angolo del mondo. Laziale fino al midollo, fin da bambino coltivo la passione per il giornalismo di ogni genere, con una particolare preferenza per quello sportivo. Con grande orgoglio, conto diverse collaborazioni online e sulla carta stampata. Grazie a Tuttocalcioestero.it ho scoperto la magia del calcio della Repubblica Ceca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.