Juventus-Fiorentina, le pagelle

JUVENTUS-FIORENTINA 1-1, I PROMOSSI

Vidal – Il cileno sta tornando ai suoi livelli, conclude come meglio non si può un azione da videogioco poi cala un po’ alla distanza ma comunque è il migliore in campo. Nota di demerito per la terribile acconciatura.

Neto – Bravo a scrollarsi di dosso le critiche, il portiere è stato protagonista una bella prestazione. E’ merito suo se i viola escono dal primo tempo con solamente un gol sulle spalle. “Anello debole” della squadra, faceva storcere il naso il suo ruolo da titolare quest’estate e inizialmente ha dato ragione ai detrattori. E’ diventato una sicurezza con il passare del tempo. Il ragazzo ha carattere.

Marchisio – Principino che gioca a nascondino, nell’arco di una stagione sono frequenti i suoi momenti grigi, a volte per questioni fisiche altre per ragioni di tipo tattico, stasera ha trovato tempi e spazi, delizioso il suo contributo nell’azione del vantaggio.

Gomezattaccante
[at-tac-càn-te]
(pl. -ti, part. pres. di attaccàre)
A agg.
Che attacca, che appiccica: sostanza a.
‖ Che prende l’iniziativa di attaccare, che aggredisce: truppe attaccanti; squadra a.

B s.m. e f.
1 Chi attacca, chi assalta: gli attaccanti furono respinti
2 SPORT Nel calcio e in altri giochi di squadra, giocatore che occupa una posizione avanzata nello schieramento, con il compito prevalente di condurre azioni di attacco e segnare punti
‖ SIN. punta

Entra e fa gol.

Buffon – Poco sollecitato nella prima fase dell’incontro, è decisivo in almeno un paio d’occasioni. E’ vecchio ma quando i giovincelli davanti non lo aiutano lui tiene in piedi la baracca. Paterno.

JUVENTUS-FIORENTINA 1-1, I BOCCIATI

Roncaglia – Sbanda che è un piacere, in fase di possesso non si vede mai. Però ci mette il corpicione e, quando serve, non esita a usare le maniere forti. Uomo fondamentale che è mancato stasera.

Ogbonna – Come Narciso adora guardare la propria immagine riflessa, si piace tanto, peccato che gli avversari continuino a giocare mentre lui contempla la delicatezza del suo tocco. Chiellini e Caceres lottano e sbuffano, lui giochicchia, non azzecca un pallone e lascia un vuoto enorme che Gomez è felice di riempire con il gol del pari. Stasera sorride Torino. Quella granata.

Ilicic – Per essere certi della sua presenza bisogna attendere dieci dal termine, quando serve l’assist a Gomez per l’1-1 per il resto è vuoto pneumatico. Così grigio che si confonde con la maglia di Buffon. Esperto nell’arte del mimetismo.

Osvaldo – Occasione buona per mettersi in luce, l’ex romanista però manda in campo il se stesso sbagliato. L’attaccante di razza resta a casa, in area c’è il clone di Johnny Depp. Buca tutti i palloni. Edward Piedi di Forbice.

Tomovic – Commette errori a ripetizione nella propria area, quando si presenta l’occasione prova a rendersi pericoloso in quella avversaria, fallo sistematico in attacco. Prestazione coerente, non si può dire che manchi di continuità.

 

 

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.