Inghilterra-Danimarca 1-0: vittoria col minimo sforzo per Hodgson

AMICHEVOLE INGHILTERRA-DANIMARCA – Vittoria di misura per l’Inghilterra di Roy Hodgson contro una buona Danimarca. Nell’amichevole internazionale giocata a Wembley, la Nazionale dei Tre Leoni si è portata a casa l’intera posta in palio grazie ad una rete del centravanti del Liverpool Sturridge, nonostante una prestazione opaca, anche grazie alla buona prova degli ospiti guidati da Morten Olsen, che si sono mostrati propositivi e pericolosi in buona parte dell’incontro. La formazione del 66enne tecnico britannico, si presenta a questo match con qualche indisponibile in difesa: priva di Jones, Walker e Jagielka, l’acciaccato Baines è costretto ad andare in panchina a causa di problemi fisici. Nel solito 4-3-3, davanti ad Hart, Hodgson ha schierato una difesa formata da Cole, che ha vinto il ballottaggio con Shaw, Cahil, Smalling e Johnson. In cabina di regia c’è capitan Steven Gerrard, con al fianco Wilshere ed Henderson; il tridente davanti è composto da Sturridge, Rooney ed il classe 1994 Sterling, che torna in Nazionale dopo 16 mesi di assenza. Gli ospiti si schierano con una disposizione tattica ad albero di Natale, con Schmeichel in porta; la difesa a 4 è composta da Ankersen e Jacobsen sulle fasce, con Kjaer e capitan Agger al centro; a centrocampo spicca il 22enne Casper Sloth, con al fianco i più “esperti” Kvist e Poulsen, mentre Krohn-Dehli e Larsen sostengono l’unica punta, la meteora juventina Nicklas Bendtner.

Nei primi minuti i padroni di casa mostrano una grande capacità di palleggio, che risulta sterile a causa dell’incapacità di creare pericoli. E la prima occasione degna di nota è targata Danimarca ed arriva al 15’, quando sul cross da destra di Sloth, Krohn-Dehli conclude sopra la traversa. Due minuti più tardi risponde l’Inghilterra: Sloth sbaglia il disimpegno sulla propria trequarti e Gerrard gli ruba il pallone; il 22enne danese ferma con una trattenuta al limite dell’area il capitano inglese, beccandosi l’ammonizione dal direttore di gara. Ma la punizione concessa è calciata in malo modo da Rooney, con il pallone che termina molto alto sopra la traversa della porta difesa da Schmeichel. Al 21’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Gerrard, arriva il colpo di testa di Cahil che termina di poco alto. Nuova occasione per i padroni di casa al 32’ con Sturridge, che salta Ankersen e da destra lascia partire un cross basso e tagliente, sul quale Rooney non arriva per una questione di centimetri. Ma l’occasione più nitida della prima frazione di gioco arriva al 42’, quando sul cross di Ashley Cole, Sterling taglia verso il centro e devia il pallone sul palo. E quattro minuti più tardi, esattamente nel primo minuto di recupero Sturridge va vicino alla rete del vantaggio: sfrutta la sponda di testa di Cahil su calcio d’angolo, concludendo dal limite dell’area piccola; ottima risposta di Schmeichel, che si oppone e con il piede destro devia la palla in calcio d’angolo. Sul risultato di 0 a 0 termina la prima frazione di gioco.

Nella ripresa, nonostante i cambi effettuati dai due tecnici Hodgson e Olsen, il ritmo del match resta sempre alto, e dopo meno di 60 secondi arriva la prima occasione per i danesi, con la discesa del neo entrato Kusk, che crossa al centro, ma arriva il tempestivo anticipo di Cahil sul solito Krohn-Dehli. Meglio gli ospiti nella ripresa, ed al 57’ è Bendtner ad arrivare alla conclusione, che però viene intercettata a terra da Hart. Al 65’ nuova occasione per la Danimarca con Rasmussen, che a tu-per-tu con Hart si fa parare la conclusione a rete. L’Inghilterra è viva, e si fa vedere al 68’ con Welbeck, entrato da poco, che calcia da dentro l’area, ma c’è la grande risposta di Schmeichel. Quattro minuti dopo, il centrocampista del Liverpool Henderson serve splendidamente Welbeck in area, che calcia con l’esterno del piede destro, ma trova ancora una volta sulla sua strada un meraviglioso Schmeichel, che devia la palla in calcio d’angolo. Al 76’ è sempre l’Inghilterra ad essere pericolosa: questa volta è Sturridge ad andare alla conclusione con un sinistro violento, che viene respinto con i punti dal solito Schmeichel. Ma pochi minuti più tardi, ed esattamente all’82’, l’Inghilterra sblocca un match che sembrava “stregato”. Sul calcio d’angolo battuto da sinistra, Lallana, dopo aver scambiando corto con Sterling, entra in area e crossa sul secondo palo, dove Sturridge realizza di testa il gol del vantaggio inglese. Nell’ultimo “segmento” di gioco, la Danimarca tenta una timida reazione, ma non riesce ad impensierire il portiere inglese Joe Hart.

L’Inghilterra torna a vincere, dopo le sconfitte maturate negli ultimi due match amichevoli contro Germania e Cile. Inghilterra che però non è sembrata irresistibile, sia nel reparto difensivo che in quello offensivo. I danesi infatti, hanno rischiato più volte di far male alla retroguardia di Hodgson, ma allo stesso tempo gli attaccanti inglesi ha mostrato poca lucidità questa sera, andando in rete una sola volta contro una difesa come quella danese, non tra le migliori nel panorama mondiale. Gli inglesi e Hodgson sanno bene che servirà un’altra Inghilterra per superare un girone difficile come quello in cui sarà impegnata l’Inghilterra al prossimo Mondiale e qualificarsi ai quarti di finale. La Nazionale dei Tre Leoni dovrà infatti affrontare nelle sfide del girone nazionali di spessore come l’Uruguay ed Italia, oltre alla modesta Costa Rica. Può essere soddisfatto invece Morten Olsen. Prova di carattere della sua Danimarca, che ha impensierito in più occasioni la difesa inglese ed ha retto bene agli attacchi avversari, come dimostra la sconfitta con scarto minimo, soprattutto grazie alla grande prestazione del numero 1 Schmeichel, ex portiere del Manchester City.

COPY CODE SNIPPET
About Alessandro De Felice 134 Articoli
Laureato in Mediazione Linguistica, amo viaggiare e il 'football' di ogni angolo del mondo. Laziale fino al midollo, fin da bambino coltivo la passione per il giornalismo di ogni genere, con una particolare preferenza per quello sportivo. Con grande orgoglio, conto diverse collaborazioni online e sulla carta stampata. Grazie a Tuttocalcioestero.it ho scoperto la magia del calcio della Repubblica Ceca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.