Tottenham-Dnipro 3-1: Adebayor trascina gli Spurs agli ottavi

adebayor

EUROPA LEAGUE TOTTENHAM-DNIPRO – Il Tottenham ribalta l’1-0 patito in Ucraina (clicca qui per la cronaca) e si qualifica per gli ottavi di finale vincendo 3-1 il match di ritorno. Dopo l’illusorio vantaggio ospite, gli spurs si scatenano e siglano i gol qualificazione con Adebayor (doppietta)e il danese Eriksen. Il Tottenham ora se la vedrà con il Benfica.

I ritmi battenti dell’inizio vengono favoriti dal forcing dei londinesi e dai pungenti contropiedi ucraini. La sponda di Adebayor per Eriksen genera la prima palla gol: il destro secco del danese viene salvato in modo fortuito con la schiena da Mazuc.

Al 24’ Soldado rischia il rosso rifilando una gomitata a Fedetskiy. Gautier vede tutto ma non prende provvedimenti. Passano una manciata di minuti e il solito Eriksen su punizione prova a beffare Boyko, trovando sulla sua strada la parata in due tempi dell’estremo biancoblù.

Al 31’ sull’asse Zozulya-Matheus gli ospiti spaventano gli spurs, ma non pungono per il mancato aggancio in area del centravanti brasiliano.

La cerniera ucraina ostruisce le linee di passaggio del Tottenham. I padroni di casa stentano a rendersi pericolosi, creando solo densità nei pressi dell’area ospite. Un primo tempo avaro di emozioni va in archivio sullo 0-0.

La ripresa si apre con il gol del Dnipro. Rotan pennella sulla testa di Zozulya il pallone del vantaggio, trovando lo splendido stacco dell’ex Dynamo Kiev. La rabbiosa reazione inglese si materializza prima con Dembele in mischia e successivamente con il gol annullato a Soldado.

Eriksen – dopo le prove generali del primo tempo – inventa dal nulla il gol del pari al 56’, trasformando in oro un piazzato dal limite dell’area. 1-1, tutto di nuovo in discussione. La contesa si incendia. Schema su punizione Rotan-Konoplyanka, palo ucraino. Al 63’ Zozulya perde la testa, spintonando Vertonghen e guadagnandosi il rosso diretto. Gli spurs ne approfittano subito ribaltando l’inerzia e il risultato con il guizzo sotto porta di Adebayor, omaggiato di un assist al bacio da Eriksen.

Il pubblico spinge un Tottenham indemoniato; le residue certezze ucraine si sgretolano definitivamente quando Adebayor raccoglie il lungo lancio di Fryers e di pura potenza e classe e sigilla il 3-1.

Il finale è palpitante. Lloris sale sugli scudi e nega tre volte la gioia del gol qualificazione a Konoplyanka e Fedetskiy. Termina 3-1 per il Tottenham. Missione compiuta per Tim Sherwood e i suoi. Il Dnipro di Juande Ramos esce sconfitto da White Hart Lane con l’onore delle armi. E gli applausi della gente.

TOTTENHAM-DNIPRO 3-1 (0-0)

Tottenham (4-4-2): Lloris, Verthongen, Dawson, Naugthon,Fryers, Townsend (85’ Lennon), Eriksen, Sandro (76’ Bentaleb),Dembelè, Soldado (88’ Kane), Adebayor. All.: Tim Sherwood

Dnipro (4-2-3-1): Boyko, Mazuc, Strinic, Fedetskiiy (84’ Kulakov), Kankava (71’ Seleznyov), Giuliano, Konoplyanka, Cheberyachko, Rotan, Zozulya, Matheus. All.:Juande Ramos

Arbitro: Gutier (Francia)

Marcatori: 48’ Zozulya (D), 56’ Eriksen (T), 65’ e 69’ Adebayor (T)

Note: ammoniti: Sandro (T), Verthongen (T), Rotan (D), Kulakov (D), Dawson (T)

 

 

 

 

 

 

COPY CODE SNIPPET

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.