Siviglia-Barcellona 1-4, doppio Messi e passa la paura iniziale

Il rischio c’è stato, concreto; quello di incassare la seconda sconfitta di fila in campionato. Qualcosa di incredibile se si parla del Barcellona dei marziani, da qualche tempo tornati terrestri. A Siviglia, i blaugrana finiscono per vincere 4-1 in rimonta, soffrendo le pene dell’inferno per almeno mezz’ora con lo spettro di un’altra clamorosa caduta dopo il 2-3 al Camp Nou contro il Valencia di otto giorni fa.
Martino sceglie Montoya al posto dell’ex Dani Alves: scelta sorprendente se si pensa che con il canterano la difesa del Barça è modificata per 3/4 rispetto a quella abituale, considerate le squalifiche di Mascherano e Jordi Alba. Fuori anche Busquets e Fabregas, dal primo minuto si rivede Song. Davanti spazio a Pedro-Messi-Sanchez. Emery, dal suo canto, deve rinunciare a Reyes e opta per un 4-4-2 con Gameiro al fianco di Bacca in avanti. Inutile dire che le aspettative sono tutte sulle spalle di Rakitic, uomo simbolo di questo Siviglia.

Gli andalusi partono forte, fortissimo: pressing alto, Bacca e Vitolo indiavolati, i terzini spingono. E, appunto, Rakitic ispirato. Proprio da uno spunto del croato sulla destra nasce il gol dell’1-0: la stoccata finale, dal limite dell’area, è di Alberto Moreno, il giovane terzino già nel giro della nazionale. Decisiva, però, risulta la deviazione di Bartra che spiazza Valdes.
Il Barcellona vacilla, sulle palle alte Piqué e Bartra, sembra un controsenso vista la stazza, soffrono. Di Messi non ci sono tracce, l’esperimento di arretrare l’argentino – che va avanti ormai da un po’ – sembra non funzionare. Sanchez cicca un buon pallone all’interno dell’area di rigore, sul capovolgimento di fronte è Rakitic a graziare Valdes con una conclusione di poco fuori.
Il Barça si riorganizza, riesce a prendere il controllo del gioco e, nel finale del primo tempo, ribalta la situazione: prima Alexis, in posizione di netto fuorigioco, sfrutta al meglio la punizione di Messi e infila di testa, poi è lo stesso argentino (al ritorno in gol su azione in campionato dopo 4 mesi) a fulminare Beto con un perfetto sinistro dal limite. Due tiri, due gol. Il tutto sotto il nubifragio che si abbatte sul Sanchez Pizjuan.

Inizio ripresa ancora di marca Siviglia: prodigioso Valdes sul destro di Bacca sulla distanza e, successivamente, su Gameiro da distanza ravvicinata. Prima, però, era stato Vitolo – dopo aver rubato palla a Montoya – a graziare il portiere catalano. Sono gli ultimi spunti dei ragazzi di Emery, colpiti a freddo ancora da Messi. L’argentino controlla in corsa il pallone suggeritogli da Iniesta, altro sinistro chirurgico ed è 1-3. Il Tata Martino esulta, all’ora di gioco la partita si chiude lì.
Nel finale, comunque, il Barça arrotonda anche in ottica differenza reti (catalani con gli stessi punti di Real e Atletico ma primi per il goal average): il neo-entrato Fabregas, fischiatissimo dal pubblico di casa, assistito da Messi supera Beto con un dolce pallonetto. Francamente troppo per questo Siviglia, il giusto per rendere ancora più appassionante questa Liga.

COPY CODE SNIPPET
About Alfonso Alfano 1737 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.