Cardiff-Sunderland 2-2: gatti neri con sette vite. Borini sviene nell’intervallo, giallo sulle sue condizioni

PREMIER LEAGUE CARDIFF SUNDERLAND – Prima di parlare di una lotta per la salvezza che si fa sempre più accesa, con il Sunderland che non molla un centimetro e un Cardiff alle prese con un momento difficile, iniziamo per una volta dall’intervallo. Proprio negli spogliatoi si è consumato l’evento shock della gara, il malore di Fabio Borini. L’attaccante ha perso conoscenza ed è stato trasferito all’ospedale, “misura precauzionale” stando a quanto riporta il sito dei Black Cats, non si hanno ancora notizie chiare circa le ue condizioni. Presto aggiornamenti.

Torniamo alla partita, iniziata con un Cardiff propositivo che si vede negare un rigore dall’arbitro Foy dopo il contatto tra Mutch e Roberge. Il 22enne dei gallesi viene ammonito per simulazione, mentre il centrocampista prima si rende pericoloso con un colpo di testa poi al sesto minuto trova la rete del vantaggio. Brutta botta per il Sunderland che deve ringraziare Mannone sul tiro di Kim Bo-Kyung. Occasioni su occasioni, ne hanno tante i gallesi ma una ottima capita sul piede di Altidore alla mezz’ora, palla fuori.

Borini, come già accennato, non torna in campo nella ripresa. Al suo posto Fletcher. 12 minuti e il Cardiff raddoppia con Campbell. Black Cats sotto di due, ma la reazione c’è, Giaccherini serve il neoentrato Fletcher che accorcia. Tocca a Colback il ruolo di eroe, allo scadere trova il gol che pareggia i conti e smuove la classifica del Sunderland.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.