Valencia-Real Madrid 2-3, è il canterano Jesé a tenere in corsa Ancelotti

Sette punti da Atletico e Barcellona, a Natale, sarebbero stati troppi. Ci pensa Jesé Rodriguez, indicato in settimana dalla stampa come il bersaglio numero uno di Ancelotti dopo la mediocre prestazione di coppa, a regalare la vittoria al Real Madrid contro il Valencia, nel finale, e a mantenere a -5 le merengues dalla vetta della Liga. La prima del dopo Djukic, con Nico Estevez ad interim sulla panchina ché, è stata una dimostrazione che il Valencia può aspirare all’Europa che conta: servirà però un gran 2014 per la rimonta. Il Madrid, dal suo canto, fa un passo indietro dal punto di vista del gioco rispetto a quanto mostrato nell’ultimo mese, ma al solito mette in campo la voglia di vincere che già ha permesso agli Ancelotti di conquistare i tre punti in extremis già col Levante e a Elche.

Partita non spettacolare, nonostante il punteggio: il Real non ha giocato di certo male, ma – complice la pessima serata di Isco e Benzema – non ha di certo lasciato una grande immagine al Mestalla, campo ormai “amico” (è la quinta vittoria di fila in casa del Valencia). Il vantaggio è arrivato al 27′, grazie allo stupendo gol di Di Maria: l’argentino, per l’occasione sostituto di Bale, riceve palla sulla sinistra, penetra in area, salta contemporaneamente due avversari si accentra e batte Guaita con uno stupendo diagonale. Quasi a dire: “Pensateci non una, ma trenta milioni di volte prima di vendermi”. Il Valencia, comunque, mette il cuore in campo e raggiunge il pari dopo appena sei minuti: cross di Bernat, Piatti – non esattamente un gigante – anticipa Ramos e infila Diego Lopez con un bel colpo di testa. Ancora di testa, ma in fuorigioco, Ronaldo riporta in vantaggio il Madrid prima dell’intervallo: il portoghese è in posizione irregolare al momento della punizione battuta da Di Maria, ma conferma il suo fiuto, quasi innaturale, del gol.

Sergio Ramos attraversa il peggior momento della sua avventura madrilena e lo conferma a inizio ripresa: il centrale si lascia sfuggire Mathieu su azione d’angolo, il centrale francese stacca e batte Lopez per la seconda volta. Nel momento peggiore, e senza uno straccio di reazione, Ancelotti si affida al canterano Jesé. All’ 81′, il gioiellino del Madrid (due gol e due assist in questa stagione giocando solo scorci di partita) è servito sulla destra da Modric e infila Guaita sul primo palo. E’ il gol che mette fine alle polemiche, è il gol che tiene in corsa Ancelotti. Almeno fino alla prossima domenica…

 

COPY CODE SNIPPET
About Alfonso Alfano 1742 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.