Premier League, l’Everton non si ferma più, respira il Cardiff

PREMIER LEAGUE – L‘Everton torna tra le prime 4 in classifica demolendo nell’ultimo quarto d’ora il Fulham; risale anche il Cardiff che torna alla vittoria su un WBA in crisi nera, nelle altre due gare pareggi tra Newcastle e Southampton (1-1) e tra West Ham e Sunderland, entrambe in zona retrocessione e con evidenti problemi nel reparto offensivo come testimonia il risultato a reti inviolate.

CARDIFF – WEST BROMWICH 1-0 (65′ Whittingham)

Tornano alla vittoria dopo 5 giornate a digiuno i Bluebirds che rifilano al WBA la quarta sconfitta filata inguaiando il manager Clark, che ora vede la sua squadra solo 2 punti sopra la zona retrocessione. Dopo un primo tempo avaro di emozioni ci pensa Whittingham con un colpo di testa su cross di Noone a far esplodere di gioia il pubblico di casa; sfortunati Baggies quando Medel salva sulla linea un tentativo di McCauley. Può respirare la squadra di Mackay, ora 4 punti sopra la zona retrocessione, Clark torna nelle Midlands amareggiato e con l’obbligo dei 3 punti settimana prossima in casa contro l’Hull City per salvare la panchina.

EVERTON – FULHAM 4-1 (18′ Osman, 73′ Coleman, 84′ Barry, 90′ Mirallas – 67′ Berbatov (rig.)

Non perde un colpo la squadra di Martinez che abbatte un Fulham in netta crescita e allunga la sua striscia di risultati utili consecutivi. Non segna Lukaku ma i Toffees si dimostrano abili nel mandare in gol centrocampisti e difensori, le marcature le apre infatti Osman che legittima il dominio territoriale della prima frazione. I Cottagers si dimostrano comunque squadra in ripresa dopo il cambio di manager e Berbatov trasforma il penalty dopo l’atterramento di Barry su Kacaniklic; non ci stanno i padroni di casa che nell’ultimo quarto d’ora dilagano grazie ad un forcing veemente che porta in gol Coleman, Barry e Mirallas, che mette il punto esclamativo ad una vittoria nettamente meritata.

NEWCASTLE – SOUTHAMPTON 1-1 (27′ Gouffran – 65′ Rodriguez)

Finisce con un pareggio al St. James’s Park tra due squadra solide e in salute, entrambe navigano ai margini della zona Coppe ed esprimono un ottimo calcio. Passano in vantaggio i Magpies con l’ennesimo gol “Made in France“, ci pensa Gouffran a battere Gazzaniga (che sostituisce il titolare Boruc) approfittando di un errore di Hooiveld. Nella ripresa pareggia Jay Rodriguez che finalizza un’ottima manovra offensiva; rammarico per Rémy che sbaglia un’occasione d’oro dopo un errore del portiere avversario, non servono gli 8 minuti di recupero dati dall’arbitro Jones. Newcastle sesto in classifica, mezzo passo falso per i Saints, che non vincono dal 9 novembre (4-1 sull’Hull) e perdono ulteriore contatto dai primi posti dopo il folgorante inizio di stagione.

WEST HAM – SUNDERLAND 0-0

Non poteva che concludersi con un pareggio a reti bianche tra due squadre in crisi di gioco, risultati e nonché due dei peggiori attacchi della Premier. E’ soltanto il terzo punto lontano dallo Stadium of Light per i Black Cats, mentre i padroni di casa gettano al vento l’opportunità di staccare le concittadine Fulham e Crystal Palace nelle zone calde. I problemi per gli Hammers sono sempre i soliti, attacco sterile e difficoltà a creare gioco, con Cole e Morrison troppo fumosi ed egoisti. Per quanto riguarda gli ospiti il dato confortante riguarda tiri in porta e possesso palla, nettamente superiori agli avversari, ma nonostante il cambio di allenatore e giocatori del calibro di Borini, Altidore e Fletcher la porta sembra un miraggio. Che Di Canio abbia sbagliato la preparazione?

COPY CODE SNIPPET
About Andrea Gatti 567 Articoli
24 anni, appassionato di sport a tutto tondo (football americano, basket, golf e ovviamente calcio), letteratura, film e auto. Dopo aver conseguito la maturità linguistica, lavoro attualmente per una multinazionale metalmeccanica, mi occupo di calcio estero per passione ed amore per il rettangolo verde.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.