Chelsea-Wba 2-2: gran rimonta dei Baggies, un rigore generoso salva i Blues al 95′

PREMIER LEAGUE CHELSEA WBA. Serve un rigore controverso concesso a tempo scaduto dall’arbitro Marriner a conservare l’imbattibilità casalinga di un Chelsea irriconoscibile sul piano del gioco: resta l’amaro in bocca ai Baggies che dopo aver sbancato l’Old Trafford rischiavano di fare bottino pieno anche a casa di Mourinho.

La squadra di Clarke è disposta tatticamente in modo esemplare ed i padroni di casa non creano significative occasioni per tutta la prima frazione di gioco. Eto’o (confermato dall’inizio assieme a Willian dopo la buona prestazione in Champions) ci mette voglia e grinta ma McCauley e Olsson sembrano insuperabili, è inevitabile che serva una disattenzione difensiva per sbloccare il match: detto fatto, Myhill respinge una conclusione di Hazard, Ridgewell si addormenta e viene anticipato da Eto’o che insacca di rapina il vantaggio proprio sul finire della prima frazione di gioco.

Nella ripresa sembra tutto facile per i Blues, ospiti mai pericolosi e senza idee offensive. Come non metto, calo di attenzione della difesa su una palla inattiva, mischia in area non sbrogliata dalla difesa a Shane Long, a secco da 11 partite in Premier, riporta a galla il WBA con una imperiosa incornata. La partita ora è bellissima, squadre lunghe e capovolgimenti di fronte: Mourinho vuole vincerla, dentro Ba e Mata per Azpilicueta e Lampard e squadra sbilanciata in avanti. A 20′ dal termine la beffa che non ti aspetti: contropiede Baggies, Sessegnon converge, salta un uomo e scarica un sinistro apparentemente innocuo, Cech manca l’intervento e gela i 40mila di Stamford Bridge.

L’imbattibilità casalinga sembra a rischio, si gioca “in the box” ma gli uomini di Clarke difendono la porta quasi a costo della vita: serve una svista arbitrale a sbrogliare la matassa, e Marriner concede un rigore più che dubbio per un atterramento in aera su Ramires. Freddo come il ghiaccio, Hazard spiazza Myhill a tempo scaduto. Sospiro di sollievo per Mourinho e per tutto il Chelsea, scavalcato in classifica dal Southampton in attesa del Tottenham. Solo una cosa è certa, questa partita andava vinta.

COPY CODE SNIPPET
About Andrea Gatti 567 Articoli
24 anni, appassionato di sport a tutto tondo (football americano, basket, golf e ovviamente calcio), letteratura, film e auto. Dopo aver conseguito la maturità linguistica, lavoro attualmente per una multinazionale metalmeccanica, mi occupo di calcio estero per passione ed amore per il rettangolo verde.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.