Celta Vigo-Levante 0-1, sotto il diluvio decide Diop

CELTA VIGO LEVANTE. Poco, pochissimo spettacolo al Balaidos di Vigo. Non poteva essere altrimenti: Celta e Levante hanno giocato per l’intera durata del match sotto una pioggia copiosa ed incessante, resa ancora più fastidiosa da un forte vento. Campo ai limiti della praticabilità, la partita ha rischiato poi anche il rinvio a causa di un lungo black-out avvenuto poco prima dell’inizio del secondo tempo. Sarebbe stato forse meglio per i ragazzi di Luis Enrique che vedono vanificati 88 minuti di dominio dall’unica azione pericolosa degli ospiti, conclusa col gol di Diop all’89’. I galiziani restano a secco di vittorie in casa e al penultimo posto in classifica, la posizione dell’ex tecnico della Roma è ora delicatissima; in pieno stile Caparros, invece, il Levante coglie l’ennesimo risultato positivo lontano da Valencia (l’unica sconfitta resta il 7-0 rimediato al Camp Nou alla prima giornata).

Poche le variazioni negli undici titolari: il Celta si affida all’estro di Rafinha a supporto del tridente formato da Charles, Santi Mina e Nolito. Atteggiamento ultra-offensivo che si tradurrà poi in campo. Caparros sceglie Ivanschitz al posto di El Zhar, Babà invece di Barral. Nonostante il campo pesante già all’inizio, i padroni di casa provano a premere da subito: Santi Mina ha l’occasione giusta al 10′ dopo uno svarione di Juanfran, ma è bravissimo Keylor Navas in uscita. Buon tentativo di un vivace Nolito dalla distanza, ci prova anche Rafinha ma senza troppa convinzione. Dopo un buon inizio, tra gli ospiti si spegne anche Xumetra, Pedro Lopez invece è un vero stantuffo sulla destra. Navarro e Rodas, comunque, controllano agevolmente. Al 45′ è 0-0.

Stesso copione anche nella ripresa, nonostante l’ingresso di El Zhar al posto di Ruben Garcia nelle fila ospiti. Il Celta ha assoluto dominio del gioco ma non trova lo spunto vincente. Nolito ci prova anche su calcio piazzato, ma non è serata per l’ex Benfica. Luis Enrique prova allora anche la carta Orellana, Caparros cambia il centravanti e schiera Barral. Proprio Orellana, dopo aver sprecato un’ottima occasione a centro area calciando fuori, compie il fallo dal limite che poi risulterà decisivo per il gol. Punizione battuta da Juanfran e deviazione della barriera, è bravissimo Diop a calciare al volo e ad infilare nell’angolino basso alla sinistra di Yoel, fino a quel momento inoperoso. E’ il gol che può sancire la fine dell’avventura di Luis Enrique a Vigo.

COPY CODE SNIPPET
About Alfonso Alfano 1737 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.