Espanyol-Athletic Bilbao 3-2: Periquitos tosti, balla la difesa basca

LIGA ESPANYOL-ATHLETIC BILBAO – L’Espanyol ospita l’Athletic Bilbao forte di una rosa senza defezioni, tranne Alvarez, tutti a disposizione. Match piuttosto spezzettato, l’acuto a metà del primo tempo. Victor Sanchez si conferma autore di grandi reti al minuto 24 sebbene non possa certo definirsi un goleador, il suo sinistro da fuori area prende un giro imprendibile per Iraizoz. L’Espanyol punisce così l’ex, il portiere ha lasciato il club di Barcellona nel 2007. Gli uomini di Valverde (altro ex della serata) cercano la pronta reazione, Aduriz entra in ritardo sull’autore del gol in mezzo al campo e si prende il giallo, il secondo della gara dopo quello sventolato in faccia a Hector Moreno al quarto d’ora. Ottima occasione per i biancorossi, Muniain sfrutta un’ottimo suggerimento dalle retrovie ed evita Casilla, ma Moreno salva sulla linea. Al 39esimo i padroni di casa potrebbero raddoppiare, Stuani gira bene di testa la punizione di Fuentes, palla che si perde di poco a lato. Difesa basca in versione belle statuine, Iraizoz sbraita. L’Athletic Bilbao insiste, sforzi premiati poco prima della pausa, Rico mette in mezzo dalla destra per De Marcos, conclusione di destro e portiere freddato. Scelta vincente quella di affidarsi al 24enne ex Alaves, preferito da Valverde a Susaeta.

I Periquitos partono forte nel secondo tempo, Pizzi innesca la manovra, Sanchez la conclude e mette a segno il secondo gol della serata. Anche in questo caso la retroguardia biancorossa è piantata al suolo. Aguirre si tutela con l’esperienza di Capdevila, il terzino entra al posto di Fuentes. Al 65′ il povero Iraizoz para tre volte in successione, secondo l’arbitro Martinez Munuera l’ultima respinta non è bastata ad evitare alla sfera di varcare la linea (i replay però danno ragione a Iraizoz). Segna Sergio Garcia, al portiere basco non resta altro che protestare ma i suoi compagni non hanno fatto molto per evitargli il terzo dispiacere. Athtletic davvero giù di corda, la voglia di tornare in partita c’è ma da sola non basta. Susaeta entra al posto di De Marcos, proprio lui mette un buon pallone in mezzo per Aduriz, il colpo di testa si perde a lato. I baschi accorciano le distanze davvero, segna Ibai Gomez e si tratta anche di un bel gol. La punizione vincente dell’attaccante però arriva solo al 92esimo, con solo un minuto di recupero ancora da giocare. L’Espanyol tra le mura amiche è un osso duro, meritata questa vittoria (clicca qui per gli highlights), i biancorossi invece dovranno rivedere i meccanismi difensivi in vista della gara di mercoledì con il Betis. Altrimenti saranno dolori.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.