Bundesliga: Monchengladbach straordinario in casa. Liquidata la pratica Braunscweig

Terza vittoria casalinga consecutiva per il Borussia Monchengladbach che al Borussia Park vince contro il Braunschweig e si dimostra squadra tosta da battere. La partita inizia con ritmi altissimi, le due squadre non perdono tempo nello studiarsi. Al 7′ Raffael a botta sicura si fa ribattere il tiro da un difensore avversario. Gli ospiti rispondono al 15′ con Karim Bellarabi ma la sua conclusione termina fuori. Il Borussia capisce che è dalle fasce che deve colpire. Al 22′ gli uomini di casa passano con il terzino svedese Wendt bravo a sfruttare la palla data in filtrante da Arango e a rientrare sul sinistro per sparare nell’angolo dove Petkovic non può arrivare. Il gol subito fa male al Braunschweig che al 30′ subisce il 2a0. Cross di Kruse dalla fascia e gran colpo di testa di Raffael.
Il secondo tempo inizia con la squadra ospite in attacco e con Karim Bellarabi protagonista. Il giocatore di origine marocchina è sicuramente il più pericoloso dei suoi e fornisce l’assist al 56′ per il gol di Mirko Boiland che riapre la gara. Il Braunschweig fa l’errore però di scoprirsi troppo alla ricerca del pareggio. Al 70′ gli uomini di casa chiudono la gara grazie ad una leggerezza di Calagiuri che si fa fregare la palla da Arango in area e lo atterra. Il rigore viene realizzato da Kreus. Al 75′ il contropiede del Monchengladbach è perfetto. Da Kreus per Arango, sicuramente il migliore in campo quest’oggi, ancora per Kreus con il suo tiro che Petkovic non blocca facilitando Raffael per il 4a1 finale. Buon ruolino di marcia per i ragazzi di Lucien Favre che devono migliorare però lo score in trasferta. Per il momento la classifica li vede a 9 punti con tre vittorie e tre sconfiite. Per il Braunschweig un’altra serata da dimenticare anche se il fanalino di coda ha dimostrato molta qualità in questo inizio di stagione e la strada per la salvezza è ancora lunga.

COPY CODE SNIPPET
About Nicola Chessa 433 Articoli
Nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, in una notte d'ottobre del 1993, sin da quando è un bambino si appassiona al calcio. Raggiunta la maturità in terra sarda, decide di spostarsi a Milano per star vicino al suo grande amore, l'Inter.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.