Svezia-Norvegia 4-2: Magic Ibra incanta e cala il tris

SVEZIA-NORVEGIA, CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS

Quando si suol dire una sfida tutta in famiglia. Si perchè quella tra Svezia e Norvegia si può ben considerare una sfida tra cugini, non solo per la vicinanza dei rispettivi paesi ma anche per il modo di intendere il calcio. Le differenze a livello tattico tra le due squadre erano pochissime ma una di queste era incolmabile, Zlatan Ibrahimovic. Il giocatore del Psg oggi ha dimostrato ancora una volta la sua netta superiorità, mandando in visibilio i tifosi svedesi ma soprattutto quest’oggi è riuscito nell’intento di dimostrare a tutti quanto il calcio sia in realtà un gioco semplice e divertente, siglando una tripletta bellissima.
Al 2′ la Svezia è già in vantaggio, palla in filtrante di Ekdal per Ibra che da due passi scaravanta nell’angolino basso. La Norvegia è ostica e li davanti la coppia Abdellaoue El Younoussi fa paura. Alla mezz’ora però arriva il gol che può scacciare ogni preoccupazione, ancora filtrante ancora Ibrahimovic che realizza al meglio l’assist di Elmander con un tocco sotto delizioso. I norvegesi non mollano e poco più tardi guadagnano un calcio di rigore che Abdellaoue mette a segno. La gara si riapre e la Norvegia a fine primo tempo trova il on Johansen.
Al rientro negli spogliatoi i volti svedesi non sono dei migliori, perchè ci si rende conto del calo a fine primo tempo e di come la Norvegia molto spesso dimostri più gamba. Serve qualcosa e quel qualcosa arriva nel secondo tempo. Di nuovo Ibra firma la tripletta personale e porta in vantaggio i suoi per la seconda volta. Il fantasista svedese si lascia andare poi a numeri di alto livello non sfruttati dai suoi. A lungo andare la Norvegia perde lucidità e la Svezia capisce che può chiudere la gara definitivamente. Ci pensa Svensson che da lontano piazza il pallone all’icrocio dei pali. La gara si conclude 4 a 2 con un Ibrahimovic in palla e pronto quest’anno a dare il meglio di sè.

COPY CODE SNIPPET
About Nicola Chessa 433 Articoli
Nato a Siniscola, in provincia di Nuoro, in una notte d'ottobre del 1993, sin da quando è un bambino si appassiona al calcio. Raggiunta la maturità in terra sarda, decide di spostarsi a Milano per star vicino al suo grande amore, l'Inter.
Contact: Twitter

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.