Uruguay-Tahiti 8-0: Hernandez fa poker e Celeste in semifinale contro il Brasile

URUGUAY-TAHITI, CLICCA QUI PER GLI HIGHLIGHTS

CONFEDERATIONS CUP URUGAUAY TAHITI – Vittoria larga doveva essere e così è andata, Uruguay-Tahiti conclude come meglio non si potrebbe la prima fase della Confederations Cup per gli uomini di Tabarez. Tahiti, squadra simpatia del torneo, torna a casa dopo aver incassato la bellezza di 24 reti in tre incontri. Se non è un record poco ci manca. I sudamericani regolano la pratica già nel primo tempo, ad aprire le marcature ci pensa di testa uno scatenato Abel Hernandez dopo un minuto e mezzo. La serata è già in discesa, l’attaccante del Palermo raddoppia al 24′, tre minuti dopo ci pensa Perez a ribadire in rete dopo una conclusione respinta dal palo. Nel recupero della prima frazione di gioco ancora Hernandez, si va al riposo sul 4-0.

Gara già virtualmente conclusa, per Tahiti sono ancora dolori in avvio di ripresa quando Proenca indica il dischetto per fallo di Vallar. Meriel si guadagna un momento da eroe e para il tiro di Scotti, che poco dopo prende il secondo giallo e si guadagna il titolo di primo espulso del torneo. Al 59esimo viene ristabilita la parità numerica, Ludivion fa sotto la doccia e Lodeiro allunga, dopo una bella iniziativa di Gargano. Ancora un penalty, fallo su Aguirregaray, stavolta tira Hernandez e non sbaglia. Poker per il numero 11. Già in luce nelle prime partite, Chong Hue spaventa la difesa Celeste al minuto 74 ma il suo tiro è facilmente bloccato da Silva. C’è tempo per altri due gol, li mette a segno Suarez, il primo dopo aver fatto impazzire un difensore polinesiano, l’ultima rete dell’incontro arriva con un bel tiro angolato. L’Uruguay va in semifinale e sulla sua strada troverà il Brasile, la speranza è quella di far piangere i verdeoro come in quella lontana finale del 1950. I brasiliani fanno gli scongiuri, Tahiti fa le valige al termine di una Confederations che certamente i calciatori non dimenticheranno mai.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.