Uruguay-Paraguay 1-1: le pagelle

Uruguay

Muslera, 6 – Sempre reattivo, non da mai l’idea di poter essere bucato. Sul pareggio degli ospiti è sfortunato e il pallone gli finisce proprio tra le gambe.

Alvaro Pereira, 6 – Meno disordinato che in maglia nerazzurra, gioca una partita onesta e laboriosa, ma i compagni preferiscono giocare di più sull’altra fascia.

Lugano, 5 – La palla che all’ 86 gli finisce sulla zucca è la causa del 1-1 che manda a casa la Celeste a pancia mezza vuota. Un grave errore pagato a caro prezzo.

Godin, 6 – Sempre attento difensivamente, lascia poco spazio alle incursioni di Cardozo.

Alvaro Gonzalez, 6 – Regge il centrocampo uruguagio arginando i possibli contropiedi degli avversari.

Perez, 5 – Poco presente nella manovra, non aiuta molto i compagni e si muove poco.

Lodeiro, 7 – Sempre insidioso quando prende palla, il giovane centrocampista classe ’89 del Botafogo è un giocatore dotato di tecnica rilevante, da lui nasce l’assist per il momentaneo vantaggio ed è autore di numerose conclusioni pericolose.

Cristiàn Rodriguez, 5 – Prestazione poco convincente per il laterale sinistro, sostituito in fretta a inizio secondo tempo.

Suàrez, 6,5 – Primo tempo deludente, nel secondo tempo si sveglia e semina il panico nella difesa avversaria. Da rivedere il bellissimo goal segnato.

Forlàn, 5,5- Molto mobile su tutto il fronte d’attacco, ricorda quello della stagione passata all’Inter, ma allo stesso modo risulta inefficace.

Cavani, (dal ’46) 5,5 – Quando entra sembra destinato a dover suonare la grancassa, poi a poco a poco sparisce e si eclissa. Per lui anche un clamoroso goal sbagliato: non in serata.

Paraguay

Barreto, 6,5 – Comincia male rischiando a fine primo tempo di regalare un goal agli avversari, poi si anima e diventa un muro insormontabile con cui gli attaccanti uruguagi devono fare i conti. Alla fine si avventa anche su Suàrez rischiando di farsi molto male: coraggioso ed efficace.

Piris, 6 – Buona prestazione per il difensore della Roma che finalmente può uscire dal campo soddisfatto.

Da Silva, 6,5 – Sempre attento sulla mina vagante Suàrez, ottima la sua partita.

Samudio, 6 – Traballante in certe occasioni, decisivo in altre, alla fine ci mette una pezza e contribuisce a limitare i danni.

Ayala  5 – Per lui stasera più che due piedi, due ferri da stiro: diverse conclusioni evitabili e prestazione così così.

Oviedo, 6,5 – Tante buone chiusure difensive per lui, alcune quasi da macellaio. Ma suda e si guadagna la pagnotta.

Riveros, 6 – Subisce nel secondo tempo, come molti suoi compagni, l’incalzare degli uruguagi, ma non si scompone.

Ortiz, 6,5 – Si improvvisa difensore in molti casi, partita di sacrificio.

Oscar Cardozo, 5 – La bestia del Benfica stasera è un animaletto mansueto che non morde. Stanco e sostituito presto, prestazione da dimenticare in fretta.

Valdez, 5,5 – Subisce lo stato di forma non eclatante del suo compagno di reparto.

Benitez, (dal ’66), 6,5- Entra, si rende numerose volte pericoloso sulla fascia sinistra, e alla fine riesce anche a buttarla dentro: un punto d’oro per lui e la squadra, ma il peggio ancora non è passato.

COPY CODE SNIPPET
About Alessio Dell'Anna 130 Articoli
Intrattenitore nel mondo della comunicazione con la passione per il calcio d'antan, è un solista dentro e fuori dal campo, che predica da numero 7 ma razzola da numero 9. Fra il 98' e il 2002 ha inscenato ben 824 repliche dei Mondiali di calcio nella sua cameretta, e ricerca oggi la magia del calcio di un tempo nei campionati con un debito pubblico pericolosamente oltre la soglia di guardia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.