VIDEO – Europa League: Newcastle in zona Cesarini, Benfica e Fenerbahçe no problem

Benfica corsaro sul campo del Bordeaux, due vittorie su due per i portoghesi che ottengono senza grande sforzo il biglietto per i quarti di finale. Alla mezz’ora Jardel rompe l’equilibrio e al minuto 74 Diabaté riporta il risultato in parità. Cardozo riporta avanti le Aguias, nuova parità con l’autorete di Jardel, ma in pieno recupero è ancora lo scatenato Cardozo a fissare il risultato sul definitivo 2-3.

Clicca qui per gli highlights

Il Viktoria Plzen, giustiziere del Napoli, cerca una nuova impresa in Turchia ma non riesce ad andare oltre l’1-1 contro il Fenerbahçe. I cechi vanno in svantaggio poco prima della sosta, segna Ucan, la rete di Darida nel secondo tempo pareggia i conti ma per gli ospiti l’avventura europea si conclude qui.

Clicca qui per gli highlights

Se la Champions League è avara di soddisfazioni per le inglesi, molto meglio va invece in Europa League. Il club di Premier passano tutti al turno successivo, compreso il Newcastle che tra le mura amiche riesce a battere l’Anzhi di Eto’o. Qualificazione sofferta per i bianconeri, che devono attendere fino al 94′ per andare in rete con Cissé dopo una gara difficilissima. Si chiudono in Inghilterra le speranze europee dell’ambiziosa squadra russa, ai quarti vanno i Magpies.

Clicca qui per gli highlights
Tutti i risultati degli ottavi

Rubin Kazan-Levante 2-0
Zenit-Basilea 1-0
Inter-Tottenham 4-1
Bordeaux-Benfica 2-3
Chelsea-Steaua Bucarest 3-1
Fenerbahçe-Viktoria Plzen 1-1
Lazio-Stoccarda 3-1
Newcastle-Anzhi 1-0

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.