Inter-Cluj 2-0, le pagelle: Kovacic promosso e Gargano uomo ovunque

INTER

Handanovic 6: Si vede poco, ma nelle rare occasioni in cui è chiamato in causa è sempre preciso e tranquillo. Sicurezza.
Pereira 5,5: L’ex della gara si rende come al solito protagonista di tanti cross sbagliati, e i rumori del pubblico spazientito nei suoi confronti la dicono lunga sui tanti soldi investiti per lui. Nel secondo tempo si riprende leggermente quando si abbassa il tono della gara e deve occuparsi solo di difendere, ma da lui ci si aspetta di più che un basso lavoro di falegnameria.
Silvestre 6: Decisamente lontano dai disastri che sono costati all’Inter il secondo posto nel girone, svolge una partita tranquilla e laboriosa. Un buon rientro.
Ranocchia 6,5: Il migliore in difesa, quando è così in giornata è veramente difficile passare là davanti. Pulito e preciso, Stramaccioni lo vorrebbe sempre così.
Nagatomo 6: Il giapponese gioca sotto le righe ma diligentemente, e comincia a svariare nel secondo tempo quando capisce che gli avversari son poca roba, concedendosi qualche vibrante incursione delle sue.
Cambiasso 6,5: Lavoro inarrestabile e sempre prezioso il suo, sia davanti che dietro, da sicurezza alla squadra e, quando può, supporta gli attaccanti là davanti. La fascia da capitano gli sta a pennello. Peccato per il goal sbagliato, dove pecca di troppo altruismo.
Kovačić 6+: Il ragazzo conferma personalità, e anche mestiere. Stramaccioni lo schiera molto basso e lui fa il suo compito con grinta e un filo di malizia, permettendosi anche qualche conclusione davanti, che è puntualmente accolta con un sonoro boato da parte della curva. Qualche errorino dietro, ma la prestazione è più che positiva
Gargano 7: Uno dei migliori in campo, corre dietro a ogni avversario e recupera un sacco di palloni con la grinta dei tempi migliori, sbagliando poco o pochissimo. Indispensabile averlo così non una ma cento volte.
Cassano 5,5: Quando ha la palla fra i piedi si ha sempre la sensazione possa inventare qualcosa di incredibile, ma è poco reattivo, soprattutto quando si tratta di pungere in area di rigore. A corrente alternata.
Milito sv: Esce dopo sette minuti dopo che gli si gira il ginocchio. Per lui si parla di stagione finita, e difficilmente stasera poteva arrivare una notizia peggiore di questa.
Palacio (dal ‘7) 7,5: Doppietta con due pallonetti deliziosi, e migliore in campo senza obiezioni. Il suo è un lavoro da muratore con le mani fini, copre tutto l’arco d’attacco da solo per un tempo intero, e da vero giustiziere castiga ogni volta che può, con la freddezza di un killer e la serenità di un monaco tibetano: Re Mida.
Alvarez (dal ’73): Al debutto in Europa League entra e fa il suo compitino, pur toccando pochi palloni. Speriamo queste gare gli servano a ritrovare la fiducia di cui ha bisogno.

CLUJ

Felgueiras 5,5: Ne prende due ma non può granché su entrambe le reti di Palacio.
Ivo Pinto 5,5: Arresta le incursioni Pereira nel primo tempo, ma quando ha davanti Palacio la musica cambia, e il lavoro si fa più difficile. Poco incisivo.
Piccolo 5,5:  L’italiano di Romania fa quel che può, ma non è facile quando tutto il reparto offensivo dell’Inter si riversa davanti alla velocità della luce. Per la prossima è avvisato.
Cadù 6:  Buoni recuperi, assieme a Piccolo fa buona guardia sulle frequenti sciabolate centrali in area dei nerazzurri, evitando il tracollo totale della squadra.
Camora 5: Ingaggia spesso duelli con Cambiasso, inevitabilmente perdenti. È troppo disordinato in mezzo al campo.
Mureșan 6: Tante conclusioni sconclusionate, ci mette spesso la gamba ma i compagni non hanno la sua stessa grinta. Aiuta a mettere ordine in mezzo al campo ed è quello che arriva su più palloni di tutti, ma la tecnica lo tradisce.
Godemeche sv: E’ vittima dell’irruenza cieca di Pereira, che tenta di difendere la palla con un interventaccio dopo quello che è forse il suo primo dribbling stagionale, ed esce infortunato dopo poco.
Rada 5: Timoroso. Per lui solo una buona punizione a fine primo tempo, neutralizzata senza grossi problemi da Handanovic.
Sepsi 5: Si mette a battere le mani mentre i suoi compagni gli passano la palla senza ben sapere perché, e recupera dall’arrivo di Guarin per il rotto della cuffia. Un momento da applausi.
Maah 5,5: Combina poco ed è addirittura vittima della malizia di Kovacic che lo fa ammonire buttandosi a terra dopo un tocco irrisorio. Frustrato.
Rui Pedro 5: Stasera c’era bisogno di fantasia, e lui decisamente non ne ha avuta. Tecnicamente è sugli standard della squadra, ma in attacco dal portoghese ci si aspetta un po’ di più. Bocciato.
Maftei (dal ’39) 6: Faccia da tagliagole di Bucarest, ma precisione da orologiaio svizzero. Sbaglia molto poco dietro e aiuta a mettere ordine in difesa, dando sicurezza ai suoi compagni.

COPY CODE SNIPPET
About Alessio Dell'Anna 130 Articoli
Intrattenitore nel mondo della comunicazione con la passione per il calcio d'antan, è un solista dentro e fuori dal campo, che predica da numero 7 ma razzola da numero 9. Fra il 98' e il 2002 ha inscenato ben 824 repliche dei Mondiali di calcio nella sua cameretta, e ricerca oggi la magia del calcio di un tempo nei campionati con un debito pubblico pericolosamente oltre la soglia di guardia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.