Scandalo doping, Wenger chiede controlli più severi: “Va cambiato il sistema”

Uno dei temi più spinosi legati al mondo dello sport è sicuramente il doping, Arsene Wenger vorrebbe un intervento più deciso per combattere questa piaga. Lo scandalo scoppiato in Spagnaha riportato sotto i riflettori l’argomento, il tecnico dell’Arsenal gradirebbe maggior attenzione da parte della Uefa: “Più volte ho chiesto di introdurre nel mondo del calcio gli esami del sangue anche per i calciatori, ma ci sono questioni etiche per cui non tutti sono d’accordo. Ma non è possibile che si aspettino anche due ore dopo un match per avere un campione di urina, i controlli dovrebbero essere molto più rapidi. Quello che sta accadendo in Spagna è assurdo, nel processo interessa sapere solo come è stato somministrato il doping, non a chi, e questo è folle se pensiamo che sono coinvolte una squadra olimpica, una di calcio e una di ciclismo. Spero che l’Inghilterra sia immune dal doping – prosegue il francese – ma non posso averne la certezza, essendo i controlli sulle urine e non sul sangue”.

Wenger è molto preoccupato e allarga i sospetti a tutte le competizioni: “Tanto per fare un esempio, mi vien difficile credere che ad un Mondiale, con 740 giocatori partecipanti, non vi sia nemmeno un caso. Bisogna scavare più a fondo, ma per fare ciò il requisito minimo è quella di cambiare il sistema. Altrimenti resteremo sempre nel dubbio – conclude l’alsaziano – con il timore che anche il mondo del calcio sia coinvolto in questo scandalo”. 

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.