Real Madrid, Mourinho raddoppia la posta in palio ma perde tutto

Il regalo di Natale di Mourinho è stata una nuova sfida, l’esclusione di Casillas dall’undici titolare contro il Malaga. Un’altra rogna, un’altra polemica. E, per giunta, il giochino non gli è riuscito. C’è troppa differenza tra Casillas e Adan (in realtà c’è troppa differenza tra Casillas e qualsiasi altro portiere), per prendere sul serio le motivazioni ufficiali: Casillas non sta parando bene, che un “avviso” era in questo momento giusto. No, non è sufficiente. C’è troppa differenza, e ieri si è visto: “Il portiere non ha influito sul risultato” si è difeso alla fine così, Mourinho. Questa è la differenza: Casillas è solito avere molta e buona influenza nei risultati.

Il Madrid ha perso e affronta il Natale a 16 punti dal Barcellona e a 7 dall’Atletico. Questo è quanto. Il Malaga non lo batteva da trent’anni. Quella vittoria era così lontana che in mezzo c’è stato anche il cambio del nome del club. La Rosaleda si è gustata Joaquin, Isco e compagnia e ha osannato Manuel Pellegrini, il condottiero in questa epoca d’oro. Tutto all’interno di una partita intensa, combattuta, nella quale il Malaga ha avuto momenti di gran calcio ma anche di vera paura ogni volta che il Madrid ruggiva.
Ma il Real Madrid è, oggi, il caos. Gioca a casaccio, con Cristiano sempre presente, ma con il resto disorientato, senza un piano di gioco preciso. Sono sempre più frequenti partite del genere del Madrid: confuse all’inizio, caotiche alla fine. Ieri ha chiuso con Essien e Callejon unici difensori, Ramos in attacco, Pepe a tutto campo, Kakà al solito anonimo (a proposito, sembra che alla fine resti, che notiziona), Modric come un colibrì in una gabbia di scimmie. Senza Casillas, tutto ciò si accentua, ovvio. Ma quello che è più grave è comparare questo Madrid con quello dell’anno scorso. O con il Barcellona attuale.

Alfredo Relano, As

COPY CODE SNIPPET
About Alfonso Alfano 1738 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.