Manchester United-Sunderland 3-1, i black cats non oppongono resistenza

Tutto come previsto – forse con qualche gol in meno – compresi gli applausi dell’Old Trafford per i ritorni in campo di Giggs e, soprattutto, capitan Vidic. Il Manchester United risponde al City con lo stesso punteggio: se i cugini, qualche ora prima, erano riusciti a sbancare Newcastle con un secco 3-1, 3-1 è il finale con il quale il Sunderland – per l’ennesima volta – deve inchinarsi a Manchester. Ferguson lascia Vidic in panchina, alla vigilia il serbo era pronosticato titolare, in difesa fa rifiatare  Rafael (Phil Jons al suo posto) e sceglie Smalling come partner di Ferdinand; Cleverley è di nuovo titolare, così come i 4 d’attacco sono gli stessi che erano partiti dal primo minuto contro il City, con l’eroe della settimana – Robin Van Persie – accolto dagli scroscianti applausi dell’Old Trafford. O’Neill, a un passo dall’esonero, si affida all’esperienza di O’Shea, il grande ex del match, al centro della difesa, all’estro di Sessegnon e al recuperato e fondamentale Steven Fletcher in attacco. Proprio RVP, al 16′ e dopo un paio di buone occasioni mancate da Young e Smalling, porta in vantaggio i suoi: numero di Ashley Young sulla sinistra, O’Shea non riesce a spazzare fuori dall’area e regala un pallone d’oro all’olandese che non ha difficoltà a controllare e insaccare ad un passo dall’area piccola.

Due minuti dopo il raddoppio: stupendo triangolo Cleverley-Carrick-Cleverley, il giovane mediano infila Mignolet con un preciso destro che si infila all’angolino basso del palo opposto. Il primo tempo prosegue con i padroni di casa assoluti padroni della partita, i red devils provano e trovano giocate da allenamento (Rooney sfiora il 3-0 con una bella girata di prima), ma il Sunderland riesce a sprecare un’ottima occasione con McClean, egoista nell’uno contro uno – ma defilato – contro De Gea, con 2 compagni liberi al centro dell’area di rigore. A inizio ripresa, con ritmi molto più bassi, Van Persie delizia ancora il suo pubblico con lo stupendo assist per il sempre presente Rooney: la coppia delle meraviglie colpisce ancora, 3-0! Partita chiusa, ma un lampo di Frazier Campbell, cresciuto nelle giovanili dello United, prova a mettere pepe al finale, che vive del ritorno in campo di Vidic (sostituito Ferdinand); in effetti De Gea deve confermare il periodo di forma positivo per evitare in un paio d’occasioni il secondo gol, ma sarebbe stato troppo. Ferguson può godersi il secondo week-end consecutivo a +6.

COPY CODE SNIPPET
About Alfonso Alfano 1736 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.