Paris Saint-Germain-Troyes 4-0: la dura legge di Zlatan

Il destino di tutte le squadre che hanno il privilegio di schierare Ibrahimovic è quello di diventare in una certa misura dipendente, sorte che è toccata anche al Paris Saint Germain che oggi ha riabbracciato il suo fuoriclasse, reduce da squalifica, e ha seppellito il Troyes sotto una montagna di gol. Gol firmati Ibra, dal primo all’ultimo. Al pronti e via il Psg va vicino al gol, un gollonzo per dirla alla maniera della Gialappa’s, con il difensore Colin vicino al pasticciaccio. Al minuto 17 parte lo show di Ibra, lo svedese fa impazzire Rincon e poi serve a Maxwell la palla dell’1-0. Gli ospiti cercano il pari con Obbadi dalla distanza, ma la sfera si perde a destra del palo, la loro prestazione è comunque valida. Ancora buone chance per i parigini, ci provano Lavezzi e Ibrahimovic, ma il risultato non cambia fino al termine del primo tempo.

Il Parco dei Principi rumoreggia, i tifosi non gradiscono lo spettacolo offerto dal Psg nei primi 45 minuti.A metà della ripresa serve nuovamente Ibra per cambiare il risultato, stavolta è Matuidi ad usufruire dei servigi dello svedese e arriva il raddoppio. Zlatan però ha appena cominciato. Al 70′ realizza il gol numero 200 in campionato con una bordata che si infila sotto la traversa. Ma non è ancora tutto, il fuoriclasse spegne i malumori del pubblico con un altro gol, a un minuto dallo scadere mette dentro il bel cross di Lavezzi e chiude la gara sul 4-0. Psg primo dopo 14 gare in Ligue 1, la striscia negativa è finita. E’ tornato Zlatan.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.