Mancini: “Non temo che il City mi cacci”, Mourinho al veleno: “Invece dovresti…”

I destini di Roberto Mancini e José Mourinho si sono incrociati a fine maggio 2008 quando il marchigiano è stato esonerato dall’Inter e pochi giorni più tardi si è insediato il portoghese. Un addio al veleno quello del Mancio con tanto di avvocati tirati in ballo, sarà gloriosa invece l’esperienza di Mou a Milano, culminata con il trionfale anno del triplete. Caso vuole che sia stato proprio il Real Madrid dello Special One a sancire l’eliminazione del Manchester City dalla Champions League, Mancini non ritiene che la sua panchina sia a rischio: “Io non ho paura per questo. Tutti sanno che questo è il calcio. La stagione è lunga. C’è la Champions League, la FA Cup e la Premier League. Se pensiamo di poter vincere la Champions League dopo soli due anni siamo pazzi. Il Chelsea ha cercato di vincerla per dieci anni e non l’ha fatto nel suo momento migliore. Dobbiamo essere pazienti, abbiamo bisogno di migliorare la nostra squadra”. Roberto però non ha fatto i conti con Mourinho, di tutt’altro avviso:  “E’ normale che il City possa pensare di cacciarlo perché Roberto ha lavorato senza alcun tipo di problema. Se fosse successo al Real – dichiara – credo che la stampa non mi avrebbe fatto tornare a Madrid”. Dichiarazione velenosa del portoghese, tra i due non corre certo buon sangue.

COPY CODE SNIPPET
About Paolo Bardelli 2030 Articoli
Nato ad Arezzo nei meravigliosi anni '80, si innamora prestissimo del calcio e non avendo piedi fini decide di scriverlo. Ha lavorato nella redazione del Guerin Sportivo e per tre anni cura la rubrica "Dalla A alla Z". Numerose collaborazioni nel corso degli anni con testate tra le quali tuttomercatoweb.com, ilsussidiario.net e il mensile Calcio 2000. Nel 2012 insieme ad Alfonso Alfano crea tuttocalcioestero.it. E ne è molto orgoglioso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.