Valencia-Bayern Monaco 1-1, pareggio e qualificazione per due

Un punto per parte, ed era qualificazione matematica agli ottavi: guai, però, a pensare al “biscotto”. Valencia e Bayern Monaco hanno giocato un gran match, divertendo il Mestalla, cercando fino all’ultimo tre punti che sarebbero valsi il primo posto e un sorteggio più comodo per la fase successiva. Il calcio è strano, verissimo. Tanto che il Bayern, in formazione tipo e con Gomez, recuperato, in panchina, dominava la prima parte dell’incontro – senza comunque creare particolari pericoli dalle parti di Diego Alves, se non su palle inattive come un colpo di testa alto di poco di Dante – fino all’espulsione di Barragan, al 33′, per un fallaccio sulla trequarti tanto inutile quanto vistoso. Da quel momento, l’orgoglio chè è venuto fuori: aggressivi su ogni pallone, Pellegrino che sistemava un 4-4-1 intenso e cortissimo, il Bayern di colpo molle e svogliato, sicuro di avere in mano i tre punti. L’andazzo proseguiva anche nella ripresa: vero, anche i bavaresi sprecavano buone occasioni (clamoroso il colpo di testa di Mandzukic a lato), ma il grosso accadeva dalle parti di Neuer: Soldado, in particolare, mandava alto un pallone d’oro di Banega – il migliore in campo – per la disperazione dei tifosi di casa. Il calcio, almeno a tratti, sa comunque essere giusto: Feghouli, la rivelazione del Valencia di inizio stagione, portava in vantaggio i suoi a meno di un quarto d’ora dal termine, con un destro dal limite deviato dalla mano di Dante. 1-0 meritato, ma troppo per l’orgoglio immenso del Bayern che, con l’ingresso di Gomez, rimetteva in campo grinta e gioco. Il gol di Muller, in mischia, arrivava nei minuti finali: nel complesso un 1-1 immeritato, ma che dimostra quanto la squadra di Heynckes sia di un livello superiore. Sono bastati 10 minuti da Bayern per uscire indenni dal Mestalla. E, col Bate in casa nell’ultima giornata, per conquistare il primo posto nel girone.

COPY CODE SNIPPET
About Alfonso Alfano 1736 Articoli
Sono Alfonso Alfano, 32 anni, della provincia di Salerno ma da anni vivo in Spagna, a Madrid. Appassionato di sport (calcio, tennis, basket e motori in particolare), di tecnologia, divoratore di libri, adoro scrivere e cimentarmi in nuove avventure. Conto su svariate e importanti esperienze sul Web.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.